Martedì 29 Marzo 2016 - 09:15

Terrorismo, Spataro: Servizi non bastano, più cooperazione

No a leggi speciali per procuratore capo di Torino Armando Spataro: "La nostra democrazia non può tornare indietro"

Armando Spataro

 "Nella lotta al terrorismo c'è un'impostazione errata che oggi sembra cara all'Europa: volere privilegiare l'attività di intelligence,trascurando invece la questione della cooperazione giudiziaria". Così il procuratore della Repubblica di Torino, Armando Spataro, sintetizza in una intervista a 'La Repubblica' il suo pensiero per rendere più efficace la lotta al terrorismo. Il magistrato sottolinea: "Credo fortemente alla funzione delle agenzie di informazione in ogni democrazia. Ma ho più volte affermato che va potenziata la sinergia tra le tutte le istituzioni e le forze in campo, non il mero rafforzamento delle attività di intelligence. Bisogna anche operare per rendere effettiva la cooperazione giudiziaria internazionale, di cui sono protagonisti la magistratura e le forze di polizia tradizionale.

Nell'ambito europeo, secondo Spataro, potrebbe essere difficile una cooperazione internazionale a causa delle "differenze di ordinamento" e perché è duro mettere dati e notizie in comune con "banche dati che esistono ma non comunicano", mentre una lotta affidata esclusivamente agli 007 metterebbe sulla bilancia altre problematiche: "Se si opera principalmente attraverso i servizi di intelligence è chiaro che la guida non potrà che essere politica. Di qui le scelte prevalenti in favore dei servizi care ai governi europei, anche a scapito dell'efficienza operativa e della qualità dei risultati. Inoltre le regole secondo le quali operano i servizi non possono che essere, per definizione, segrete, dunque diverse tra loro ed incontrollabili, tali da alimentare spesso metodi d'azione a dir poco criticabili", precisa il magistrato.

Sulla possibilità di imporre legge speciali per la lotta al terrorismo Spataro è chiaro: "La nostra democrazia non può tornare indietro di un solo passo e non possono esistere, come qualcuno teorizza, zone grigie nell'affrontare il terrorismo. Non si torna indietro neppure di un millimetro, per la semplice ragione che sui diritti non si tratta. È ovvio che ci troviamo di fronte a fenomeni nuovi, che comportano l'esistenza di scenari di guerra. Ma l'Italia ha saputo dire no a misure straordinarie come quelle introdotte dagli Stati Uniti, dalla Gran Bretagna e dalla Francia".
Un no secco anche a una massa informe di dati sensibili: "A chi sostiene che sia legale e utile nella lotta al terrorismo raccogliere milioni di dati, così controllando e classificando mezza umanità, si deve rispondere ripetendo che la concentrazione di miriadi di dati indistintamente raccolti - è provato - non è mai servita a nulla", conclude il magistrato.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Catania, maxi sbarco migranti a bordo della nave "Vos Hestia" di Save the children

Migranti, nave Save the Children perquisita dalla polizia a Catania

Le operazioni a bordo della Vos Hestia. L'Ong: "Noi estranei alle indagini, sospendiamo operazioni in mare"

Brescia, incidente mortale alla gara di auto Malegno Borno

Filma in diretta l'incidente e non chiama aiuto: un ragazzo muore a Riccione

Indignazione sul web nei confronti del ventinovenne che ha messo online la morte di un altro ragazzo

Legnano, operaio muore in seguito al crollo di un impalcatura

Puglia, reati contro la pubblica amministrazione: arrestati i sindaci di Torchiarolo e Villa Castelli

L'operazione dei carabinieri. In manette 12 persone tra cui anche vari dirigenti di uffici tecnici comunali