Mercoledì 03 Agosto 2016 - 14:45

Siriano arrestato: tra gli indagati 3 referenti religiosi islamici

Il giovane stava pianificando un viaggio per recarsi in Siria e unirsi alle fila di Jabat al Nusra

Terrorismo, siriano arrestato: 6 indagati, anche 3 referenti religiosi islamici

Sono sei gli indagati in seguito all'arresto di un giovane siriano, residente a Varese, con l'accusa di associazione e arruolamento con finalità di terrorismo. Dalla questura di Genova fanno sapere che di queste persone, tre sono dei referenti di luoghi di culto islamici. Fra gli indagati inoltre c'è anche il fratello del giovane arrestato, che in passato aveva partecipato con lui a un viaggio in Siria ma che risulterebbe totalmente estraneo alla radicalizzazione del 23enne.

Loading the player...

Il reato ipotizzato dal pm è quello di partecipazione ad associazione con finalità di terrorismo (anche internazionale), avendo raccolto, nel corso delle indagini, prove sull'intenzione del giovane di recarsi in Siria per unirsi alle fila di Jabat al Nusra, ragione per la quale stava pianificando un imminente viaggio. Questa circostanza ha portato l'autorità giudiziaria ad emettere, a fronte del 'pericolo di fuga', la misura pre-cautelare del fermo. Non sono, invece, emerse evidenze in ordine a possibili progettualità violente da attuare sul territorio nazionale.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Mamma uccide figli a Suzzara in provincia di Mantova

Catania, due anziane sorelle uccise in casa: ipotesi rapina

I corpi trovati nella loro nella loro abitazione di Ramacca messa a soqquadro. Indagano i caraninieri

Processo a carico di Marco Cappato, accusato di aiuto al suicidio per vicenda dj Fabo

Dj Fabo, Cappato: "Era mio dovere aiutarlo a morire"

L'esponente dei Radicali al processo che lo vede imputato per aiuto al suicidio e per aver accompagnato in auto in Svizzera il 40enne milanese

Matteo Renzi visita la Tegim Telethon a Pozzuoli

Malattie rare: oltre 6mila patologie colpiscono 600mila italiani

Sono casi gravi, spesso letali, e spesso non esistono terapie disponibili