Mercoledì 03 Agosto 2016 - 09:45

Terrorismo, la polizia arresta a Genova un giovane siriano

L'uomo è accusato di associazione e arruolamento

Terrorismo, la polizia arresta a Genova un giovane siriano

Un giovane siriano è stato arrestato a Genova con l'accusa di associazione e arruolamento con finalità di terrorismo. Lo ha reso noto la polizia di Stato dal suo profilo Twitter ufficiale.    Il giovane siriano arrestato ha 23 anni e risiede con la famiglia a Varese. Attualmente è disoccupato. Il suo arresto è stato realizzato grazie a una articolata operazione della polizia di Genova, svolta fra Genova e Varese, in collaborazione con la Digos delle due città e con il personale della polizia postale e delle comunicazioni di Genova e Milano.

Il reato ipotizzato dal pm è quello di partecipazione ad associazione con finalità di terrorismo anche internazionale), avendo raccolto, nel corso delle indagini, solide evidenze circa l'intenzione del giovane di recarsi in Siria per unirsi alle fila di Jabat al Nusra, ragione per la quale stava pianificando un imminente viaggio, circostanza quest'ultima che ha portato l'autorità giudiziaria ad emettere, a fronte del 'pericolo di fuga', la misura pre-cautelare del fermo. Non sono, invece, emerse evidenze in ordine a possibili progettualità violente da attuare sul territorio nazionale.

Al pari del fermato, visti gli stretti rapporti con alcuni soggetti stranieri residenti in Genova e provincia, e al fine di chiarire il ruolo di queste persone nella vicenda dell'ipotizzato arruolamento del 23enne fra le fila della formazione jihadista, si è dato corso alla perquisizione personale, informatica e domiciliare di 5 soggetti. Sono stati oggetto di perquisizione anche alcuni luoghi frequentati dall'arrestato.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

'La battaglia di Irene' - Foto tratta dalla pagina Facebook dell'Associazione Luca Coscioni

'La battaglia di Irene' e l'appello doloroso del marito per l'eutanasia

La donna, morta prima di ottenere il suicidio assistito in Svizzera, è il nuovo volto della campagna promossa dall'associazione Luca Coscioni

Natalia Mesa Bush da Borsalino

Fallita l'azienda Borsalino: respinto concordato Camperio per evitare la bancarotta

Toccherà ora al tribunale e a curatori fallimentari, Stefano Ambrosini e Paola Barisone, decidere come muoversi

Milano, temperature vicine allo zero, persone infreddolite a porta Nuova

Nebbia e gelo: il meteo del 17 e del 18 dicembre

Continuano a scendere le temperature in questo nuovo inizio di settimana