Mercoledì 25 Ottobre 2017 - 11:30

Terrorismo internazionale: espulsi un macedone e un albanese

Entrambi residenti in Puglia, sono stati intercettati: avevano rapporti con persone legate allo Stato Islamico

La situazione ad Aleppo dopo la guerra

Due persone, una macedone e una albanese, sono state espulse per motivi di sicurezza nazionale legati al terrorismo internazionale. Lo rende noto il Viminale.

Si tratta di un 36enne macedone e di un cittadino albanese 27enne, residenti in provincia di Bari, da tempo monitorati dalla Digos di Bari per aver costruito sui social stretti rapporti con un internauta marocchino attestato su posizioni pro-stato islamico. Sono stati documentati, grazie agli ulteriori accertmaneti, contatti anche con altri estremisti e predicatori radicali arrestati in Kosovo per reati di terrorismo.

Entrambi i soggetti espulsi avevano materiali informatici con contenuti di carattere anti-occidentale ed antisemita. Per questi motivi il cittadino macedone ed il cittadino albanese sono stati rimpatriati per questioni di sicurezza nazionale, con accompagnamento nel proprio paese, con un volo decollato dalla frontiera aerea di Bari. Con queste ultime sono 89 le espulsioni eseguite con accompagnamento nel proprio paese, nel corso del 2017 e 221 quelle eseguite dal 1° gennaio 2015 ad oggi, riguardanti soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Sole e nuvole nel weekend: il meteo del 18 e 19 novembre

Le previsioni per sabato e domenica. Allerta arancione in Calabria

Parma, l'Ospedale Maggiore dove è morto Toto Riina

Taranto, carabiniere uccide sorella, cognato e padre e si spara: è grave

La tragedia è avvenuta in una strada centrale del paese, a Sava. Lite in famiglia: il militare è in fin di vita

Papa Francesco all'Udienza Generale del mercoledi' in Piazza San Pietro

Papa: "La scienza ha dei limiti da rispettare. Serve responsabilità etica"

Il pontefice: "Tutti devono beneficiare del diritto alla tutela della salute"

Morte Riina, i familiari all'ospedale di Parma per l'autopsia.

Morte Riina, autopsia a Parma. La figlia ai cronisti: "Rispettate il dolore"

Le condizioni del boss si erano aggravate dopo due interventi chirurgici