Martedì 06 Settembre 2016 - 11:00

Terrorismo, in Francia minaccia altissima: 15mila sorvegliati

"Si sta conducendo una guerra totale", ha dichiarato il premier Valls

Terrorismo, in Francia minaccia altissima: 15mila sorvegliati

La Francia mantiene la sorveglianza su 15mila individui sospettati di radicalizzazione, di cui 689 si trovano in Siria e in Iraq (tra questi 275 sono donne e 17 minori). Lo ha dichiarato il premier Manuel Valls in un'intervista all'emittente Rtl sottolineando che la minaccia terroristica "non è mai stata così alta".

Valls ha ribadito la necessità di proteggere i francesi e di lottare contro la radicalizzazione con misure che includono il sistema educativo e i servizi sociali, perchè "vivremo per dieci anni con questa minaccia".

"Si sta conducendo una guerra totale", ha aggiunto il premier francese ritornando a ricordare l'esistenza "di un progetto per il Paese", colpito negli ultimi due anni dal terrorismo jihadista.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

FILE PHOTO: Newly inaugurated U.S. President Donald Trump salutes as he presides over a military parade during Trump's swearing ceremony in Washington

Usa, Trump vieta l'esercito ai trans: Militari devono vincere

Il presidente americano scatena le polemiche per la sua decisione: "L'esercito non può sostenere il tremendo costo medico e il disagio che i trangender nell'esercito comportebbero"

Nord Corea: Pronti ad attacco nucleare al cuore degli Usa

Nord Corea: Pronti ad attacco nucleare al cuore degli Usa

La minaccia arriva in risposta ai commenti del direttore della Cia, Mike Pompeo, secondo il quale l'amministrazione Trump dovrebbe trovare un modo per separare Kim dal suo arsenale

Sarraj incontra Gentiloni e chiede navi italiane in acque libiche

Stretta di mano tra il primo ministro italiano e il capo del governo di unità nazionale libica

Migranti, Corte Ue: Anche in emergenza spetta a Paese d'arrivo esame richieste d'asilo

Emergenza migranti, Corte Ue: Asilo spetta a Paese d'arrivo

Nessuna deroga al regolamento di Dublino. Avvocatura europea: "Respingere ricorsi di Slovacchia e Ungheria su relocation"