Lunedì 01 Agosto 2016 - 13:45

Terrorismo, arrestato sospetto a Venezia: aveva mannaia di 30cm

L'uomo è stato individuato dalla polizia ferroviaria

Due uomini sospetti sono stati fermati dalla Digos di Venezia e uno di loro è stato arrestato. Nella prima mattinata di ieri, è stato segnalato un gruppo di persone, alla stazione ferroviaria di Santa Lucia, intente a pregare ad alta voce, secondo i riti propri della religione islamica. Subito dopo il gruppo si è allontanato. Alle 5.30 due uomini del gruppo sono stati individuati dal personale della polizia ferroviaria: uno di loro, durante il controllo, è stato trovato in possesso di una mannaia di circa 30 centimetri di lunghezza, nonché di una pietra affilata.

I due soggetti, che da un primo riscontro risultavano entrambi di origine turca, sono stati condotti in questura da personale Digos della questura di Venezia e sottoposti a rilievi fotodattiloscopici presso il Gabinetto di Polizia Scientifica. I due non risultavano schedati nè in ambito nazionale nè europeo. Sono stati dunque attivati, tramite i canali istituzionali, i collaterali organi di polizia stranieri per approfondire la posizione di A. K., nato a Mersin (Turchia) nel '92, domiciliato in Slovenia, e di O. A., nato in Germania nel '67 ed lì residente, in possesso di doppia nazionalità, turca e tedesca. Quest'ultimo, a supporto di quanto affermato, ha esibito copia di denuncia di furto, presentata presso la Polfer di Bologna qualche giorno prima, dei seguenti beni di sua proprietà: 1 I-Pad, 1 I-Phone6 con SIM Card, la patente di guida e, soprattutto, il passaporto tedesco.

Da controlli ulteriori è emerso che l'uomo non sembra possedere doppia nazionalità ma sarebbe in possesso soltanto del passaporto turco, con Visto Schengen scaduto. La carta d'identità turca dell'uomo, infine, era mancante del timbro a secco sulla fotografia, necessaria condizione di autenticità per i documenti rilasciati dallo Stato Turco. L'uomo è stato quindi arrestato per il reato di 'falsa attestazione o dichiarazione a un pubblico ufficiale sulla identità o su qualità personali proprie o di altri'. Ciò anche alla luce delle particolari circostanze legate al fatto che, sul piano generale, oggi era in programma l'iniziativa di preghiera interreligiosa, che prevedeva la presenza di cittadini di fede musulmana all'interno delle chiese cattoliche durante le funzioni religiose.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Il Ministro della Giustizia Andrea Orlando incontra L'ANM

Processo Occhionero, pm: "Carpite 3,5mln mail, è spionaggio politico"

Nuove accuse contro i fratelli del cyberspionaggio

Perquisizione nella sede della Consip

Consip, Sessa e Scafarto sospesi dal servizio per depistaggio

Il colonnello e il maggiore dei carabinieri accusati di aver distrutto prove utili agli inquirenti

Maltempo, ancora allerta in Liguria, Emilia e Toscana. Problema trasporti

I torrenti iguri sono sorvegliati speciali per rischio esondazione. A Brescello il comune ha previsto l'evacuazione del paese