Lunedì 14 Novembre 2016 - 14:00

Terrorismo, arrestato in Sudan reclutatore dell'Isis in Italia

Si tratta del tunisino Moez Fezzani, conosciuto come Abu Nassim

Terrorismo, arrestato in Sudan reclutatore Isis in Italia Moez Fezzani

Il terrorista tunisino Moez Fezzani, conosciuto come Abu Nassim, considerato dagli inquirenti un reclutatore dell'Isis in Italia, è stato arrestato in Sudan. Lo si apprende da fonti di intelligence. Secondo le accuse Fezzani avrebbe fatto parte, tra il '97 e il 2001, di una cellula terrorista con base a Milano che reclutava uomini da inviare nei Paesi in guerra. Due anni fa è stato condannato definitivamente a Milano per associazione per delinquere con finalità di terrorismo.

Fezzani era inserito in una lista di 25 nomi di persone partite per la Siria a combattere tra le fila dell'Isis. Così veniva definito: "Ex estremista tunisino oggi legato alla formazione terroristica Ansar al Sharia". Lo scorso agosto era stato annunciato il suo arresto (poi smentito) in Libia.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Oggi e domani picco del caldo africano, da domenica instabilità

Oggi e domani picco di caldo africano, bollino rosso in 9 città

Domani sarà la giornata più calda di questa ondata con punte fino a 37-38 gradi specie al Nord. Da domenica instabilità

Vaccini, morto il bimbo di 6 anni malato di leucemia e ricoverato per morbillo a Monza

Bimbo malato di leucemia muore di morbillo contagiato dai fratelli

E' deceduto per complicanze polmonari e cerebrali. L'assessore Gallera: "Esempio dell'importanza dell''immunità di gregge'"

Milano, la Cassazione dice no all'ergastolo per Brega Massone: rideterminare la pena

Milano, la Cassazione annulla l'ergastolo per Brega Massone

L'ex primario del reparto di chirurgia toracica della clinica Santa Rita è stato accusato di omicidio volontario per la morte di 4 pazienti

Roma, Marra intercettato: Raggi? Fa la vittima e scappa

Roma, Marra intercettato: Raggi? Fa la vittima e scappa

"È arrabbiata, soltanto perché sta tastando la cosa che lei ha promosso mio fratello"