Martedì 23 Maggio 2017 - 23:30

Manchester, strage al concerto di Ariana Grande: 22 morti. Attentatore di origini libiche

Rivendicazione dello Stato Islamico. Kamikaze figlio di rifugiati fuggiti da Gheddafi. May alza livello di allerta: Rischio imminente. E la cantante sospende il tour /FOTO-VIDEO

Manchester, strage al concerto di Ariana Grande: 22 morti. Attentatore è 23enne Salman Abedi, britannico di origini libiche

Terrore a Manchester, nel Regno Unito. Un'esplosione è avvenuta al termine del concerto della cantante statunitense Ariana Grande nel palazzetto Manchester Arena e l'ultimo bilancio, diffuso dalla polizia locale, è di 22 morti e circa 59 feriti. Tra le vittime ci sono anche dei bambini e risultano disperse 8 persone. L'attentatore che si è fatto esplodere, spiega la polizia, è morto nell'attacco e aveva con sé un dispositivo che ha fatto detonare. Intanto un uomo di 23 anni è stato arrestato perché considerato collegato all'attentato. Secondo quanto riportato dalla Bbc, il giovane sarebbe stato fermato dagli investigatori dell'antiterrorismo a Chorlton, a sud di Manchester, vicino a un negozio della catena 'Morrisons'. Altri due arresti sono stati eseguiti in operazioni nel sud della città, nelle aree di Whalley Range e Fallowfield, dove si è verificata un'esplosione controllata. La premier Theresa May ha alzato il livello di allerta da "grave" a "critico" per rischio di attacco "imminente" e deciso lo schieramento di militari in occasioni quali le partite e i concerti.

ATTENTATORE E' 23ENNE GIA' NOTO. E' un 23enne già noto alle autorità inglesi, Salman Abedi, il responsabile dell'attacco. Lo scrive per prima Cbs News, facendo riferimento a una dichiarazione dello Stato Islamico pubblicata online in cui si rivendica l'attentato e si indica in Abedi l'uomo che si è fatto saltare in aria all'ingresso del palazzetto. Poi la conferma della polizia di Manchester: il capo, Ian Hopkins, ha confermato che il sospetto attentatore è proprio Abedi. "La nostra priorità è indagare per scoprire se abbia agito da solo o con il supporto di un network più ampio", ha aggiunto il poliziotto. La famiglia di Salman Abedi, secondo quanto riportato da diversi media britannici tra cui la Bbc, avrebbe diversi domicili nell'area di Fallowfield, nel sud di Manchester, tra cui l'abitazione di Elsmore Road dove la polizia oggi ha fatto irruzione. Nell'operazione si è verificata un'esplosione controllata. Secondo le prima informazioni Salman aveva un fratello maggiore, nato a Londra, e un fratello e una sorella minori, nati a Manchester. I vicini di casa hanno raccontato che la famiglia esponeva la bandiera libica in alcune occasioni durante l'anno. Se confermato, il suo sarebbe il primo attacco esplosivo suicida condotto da un cittadino britannico.

Nel frattempo lo Stato Islamico ha rivendicato l'attacco. Lo conferma il sito che monitora l'attività jihadista online 'Site'. L'esplosione sarebbe avvenuta nel foyer del palazzetto, poco dopo le 22.30, subito dopo la fine del concerto.

LEGGI ANCHE Manchester, Ariana Grande: Ho il cuore spezzato, non ho parole

VITTIME GIOVANISSIME. È un bambino delle elementari la vittima più piccola dell'attacco. Lo fa sapere la Bbc spiegando che le altre 21 persone rimaste uccise sono ragazzi e adulti. La prima vittima ad essere stata identificata è una studentessa di 18 anni, Georgina Callander. Dodici bambini di età inferiore ai 16 anni sono tra i 59 feriti soccorsi.  La polizia di Manchester nel pomeriggio rivelato il nome della terza vittima dell'attacco: si tratta di John Atkinson, 26 anni, originario di Radcliffe in Bury.

IN MIGLIAIA ALLA VEGLIA. Migliaia di persone si sono radunate fuori dal municipio in Albert Square, nel centro di Manchester, per partecipare alla veglia organizzata dal sindaco della città Andy Burnham per ricodare e omaggiare le vittime. I partecipanti hanno portato fiori, ma anche cibo e bevande per i volontari che dalla scorsa notte sono impegnati nei soccorsi. Imponenti le misure di sicurezza. "La gente di Manchester ha mostrato al mondo quanto ci prendiamo cura gli uni degli altri, e quanto facciamo per chi ha bisogno", ha detto il capo della polizia Ian Hopkins, che ha poi ringraziato "il resto del mondo che oggi ha pensato a noi".

Loading the player...

MAY: ATTACCO DISGUSTOSO, TERRORISTI NON VINCERANNO. "Siamo vicini alle famiglie delle vittime per questo massacro più disgustoso e vigliacco che mai", ha dichiarato la premier britannica Theresa May parlando davanti a Downing Street dopo l'attacco di Manchester. "Oggi ricordiamo coloro che hanno perso la vita e celebriamo le persone che hanno portato aiuto. I terroristi non vinceranno mai, i nostri valori e il nostro stile di vita prevarrà". La polizia e i servizi di sicurezza credono di conoscere l'identità del sospetto kamikaze, ha detto May, precisando che per motivi di sicurezza le autorità hanno deciso di non divulgare l'identità. "Sappiamo che l'attentatore che ha colpito la Manchester Arena ieri sera è un lupo solitario che ha fatto deflagrare un ordigno vicino all'uscita della Victoria Station, per provocare morti in maniera indiscriminata. La polizia e i servizi di sicurezza sono convinti che si tratti di un unico uomo ma dobbiamo capire se ci sono complici, ci vorrà del tempo". 

REGINA ELISABETTA: NAZIONE SOTTO SHOCK, ATTO BARBARO.  "L'intera nazione è sotto shock per le persone rimaste uccise e ferite, adulti e bambini, la scorsa notte a Manchester, che si stavano solo godendo un concerto. So di parlare per tutti esprimendo la mia profonda vicinanza a tutti quelli che sono rimasti colpiti da questo orribile evento, specialmente le famiglie e gli amici di vittime e feriti. Voglio ringraziare tutti i membri dei servizi di emergenza che hanno risposto con professionalità e attenzione. E voglio anche esprimere la mia ammirazione per il modo in cui i cittadini di Manchester hanno reagito, con umanità e compassione, a questo atto barbaro". Così la regina Elisabetta commenta in un comunicato ufficiale l'attentato di ieri sera.

LEGGI ANCHE Manchester, ancora 8 dispersi: madre lancia appello per figlia 15enne

La Manchester Arena, nota come MEN Arena, può ospitare per i concerti circa 18mila persone ed è lo spazio pubblico all'aperto più grande della città. L'artista che aveva appena finito di esibirsi, Ariana Grande, ha 23 anni ed era nel suo tour europeo, che dovrebbe portarla a Londra mercoledì: lanciata al successo come attrice televisiva, è una pop star popolare soprattutto fra i giovanissimi. 

Come è già successo durante gli attacchi di Parigi del 13 novembre 2015 e di Bruxelles del 22 marzo del 2016, fra i cittadini è scattata la solidarietà tramite i social network: su Twitter è stato lanciato l'hashtag #Roomformanchester, tramite il quale le persone offrono stanze libere per accogliere chi si trova in difficoltà a causa della situazione. Inoltre Facebook ha nuovamente attivato il cosiddetto 'safety check', grazie al quale chi si trova nella zona interessata può fare sapere ai propri contatti che sta bene. 

Sempre su Twitter è stato lanciato l'hashtag #PrayForManchester e il cerchietto nero con le orecchie da coniglio piegato come un nastro su sfondo rosa è diventato il simbolo del lutto.

 

 

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Usa: Trump in partenza per l'Arizona, visita confine col Messico

"Charlottesville, media disonesti". Scontri a convegno Trump

Il presidente americano parla anche di Messico e Corea del Nord. Spary urticanti sui manifestanti anti-Trump

Barcellona, libero un arrestato. Documento Isis in covo di Alcanar

Un altro imputato resterà in carcere ancora per 72 ore. Negata la cauzione agli altri due. Chemlal: "Volevamo colpire la Sagrada Familia"

Egitto, da Usa stop a 300mln in aiuti: pochi progressi in diritti umani

Usa, stop a 300mln in aiuti a Egitto: pochi progressi diritti umani

Frustrazione per una nuova legge che regola le organizzazioni non governative

Pamela Anderson si schiera con cetacei: Chiudete Marineland ad Antibes

Pamela Anderson si schiera con cetacei: Chiudete Marineland ad Antibes

Si è fatta immortalare davanti a un manifesto del parco con un cartello dell'associazione animalista Peta