Sabato 12 Novembre 2016 - 11:45

Terremoto,Gazzetta ufficiale: 412 milioni per 2016

E' stato pubblicato il decreto che stanzia i fondi per il post sisma

Terremoto centro Italia

E' stato pubblicato in gazzetta ufficiale il decreto legislativo sul terremoto. Per l'anno 2016 il provvedimento stanzia finora 412,54 milioni. Per l'anno 2017 346,11 milioni. In 12 articoli vengono fissate le misure urgenti. Ecco quali sono le più importanti.

IL VOTO DEGLI SFOLLATI
Gli sfollati che hanno dovuto lasciare il Comune di residenza potranno votare al referendum del 4 dicembre nel luogo in cui sono temporaneamente alloggiati. Per farlo, dovranno far pervenire entro il termine di 5 giorni prima del voto, domanda al sindaco del Comune in cui dimorano, con copia del documento di identità.

CONTAINER
Parte l'operazione moduli abitativi provvisori. I sindaci indicano alla Protezione civile le aree per i container: in assenza di indicazioni, procede il Capo della protezione civile con la Regione. Per fornitura e noleggio dei moduli e relative gare saranno possibili alcune deroghe al Codice appalti e non c'è obbligo di usare la banca dati istituita presso l'Anac, a cui però vanno trasmessi gli atti di gara.

RUOLO SINDACI
I sindaci sono autorizzati a portare avanti le opere di messa in sicurezza e gli interventi indispensabili anche sui beni artistici e culturali, per evitare danni ulteriori. Previste fino a 350 assunzioni, per un anno, con contratti a termine nei Comuni più colpiti, in deroga ai vincoli di spesa.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Macerata, Oseghale spostato nel carcere di Ascoli, lontano dagli altri indagati

L'uomo, arrestato per l'omicidio della 18enne, è stato trasferito in un altro penitenziario

Pioggia a Milano

Pioggia no-stop su tutta Italia: il meteo del 18 e 19 febbraio

Le previsioni in Italia a cura dell'Aeronautica militare

Ministério da Agricultura garante que não há riscos para o consumo de carne

Cresce mercato cibo italiano, ma nel piatto è falso 1/4 dei made in Italy

Al via la petizione #stopcibofalso per chiedere al Parlamento Europeo che i consumatori abbiano la possibilità di conoscere da dove arriva il cibo che portano in tavola