Domenica 22 Gennaio 2017 - 09:00

Scossa magnitudo 8 in Papua Nuova Guinea: basso rischio tsunami

Il sisma a 153 chilometri di profondità sotto il livello del mare a 40 chilometri a ovest di Panguna

Terremoto, scossa magnitudo 8 in Papua Nuova Guinea: ridotto rischio tsunami

 Una scossa di magnitudo 8 ha colpito l'isola di Bouganville in Papua Nuova Guinea e le Isole Salomone. Il Centro di allerta per tsunami del Pacifico ha limitato i rischi di uno tsunami spiegando che in alcuni punti della costa potrebbero arrivare onde alte da 30 centimetri a un metro.
In un primo momento il centro aveva diramato un'allerta tsunami a Nauru, Vanuatu, nell'est dell'Indonesia e le isole di Phonpei, Chuuk e Kosrae degli Stati federati della Micronesia.

Il servizio geologico degli Stati Uniti (Usgs), che vigila l'attività sismica in tutto il mondo, ha posto il sisma a 153 chilometri di profondità sotto il livello del mare a 40 chilometri a ovest di Panguna, a Bouganville.
L'arcipelago di Papua Nuova Guinea si trova sulla 'Pacific Ring of Fire', una zona di alta attività sismica e vulcanica colpita ogni anno da circa 7mila scosse.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Usa, Bannon attacca: I suprematisti bianchi sono dei perdenti, un mucchio di clown

Usa, Bannon attacca: I suprematisti bianchi sono dei perdenti, un mucchio di clown

Intanto l'ex direttore della Cia attacca Trump: "Causerà un danno duraturo al Paese"

Venezuela, sommossa in carcere: almeno 37 morti, 14 feriti

Venezuela, sommossa in carcere: almeno 37 morti, 14 feriti

Avvenuta a Puerto Ayacucho, il numero dei morti rappresenta il 40% del totale rinchiuso

Bannon: Non c'è soluzione militare a minacce Pyongyang

Bannon: Non c'è soluzione militare a minacce Pyongyang

Interviene il consigliere del presidente degli Stati Uniti Donald Trump

Conferenza stampa sulla morte di Giulio Regeni

Regeni, bufera su governo dopo caso Nyt. Famiglia andrà al Cairo

Secondo Claudio Regeni e Paola Deffendi sarebbe sufficiente "un po' più di pressione sul governo egiziano" per fare chiarezza