Mercoledì 31 Agosto 2016 - 15:45

Terremoto, Renzi: Io al telefono ai funerali? In Rete seminatori di odio

Il premier si difende dopo gli attacchi sui social

Terremoto, Renzi: Al telefono ai funerali? In Rete seminatori di odio

"La Rete, meraviglioso strumento di conoscenza e libertà, è piena di insidie e di seminatori di odio e di bugie". Il premier Matteo Renzi prova a difendersi nella sua e-news dagli attacchi arrivati dai social in cui alcuni utenti lo accusavano di guardare il cellulare mentre partecipava con le più alte cariche dello Stato alle esequie delle vittime del tragico sisma che ha devastato il Centro Italia. "Qualcuno è riuscito a insinuare e far circolare l'idea che mentre mi stavo facendo il segno della croce ai funerali in realtà stessi scrivendo al telefono utilizzando un fermo immagine e costruendoci sopra un racconto talmente squallido da non meritare altri aggettivi", replica Renzi, riferendosi alla notizia rilanciata anche da alcuni quotidiani non propriamente favorevoli al governo.
 

Scritto da 
  • Silvia Caprioglio
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Mdp tende la mano al Pd. Ma Renzi: "Prima ok a Rosatellum"

Speranza apre ai dem e si dice pronto a una coalizione di centrosinistra

Senato, Paolo Gentiloni riferisce sul prossimo consiglio europeo del 19 e 20 Ottobre

Femminicidio, Grasso: Spostiamo il focus verso gli uomini, è da noi che parte il problema

Il presidente del Senato, Pietro Grasso, aderisce alla campagna di sensibilizzazione #dauomoauomo

Referendum sull'autonomia della Lombardia, a Lozza il voto di Roberto Maroni

Referendum autonomia: alle 12 l'affluenza è del 21% in Veneto, 11% in Lombardia

Dai risultati dipenderà il potere contrattuale dei due presidenti di Regione nell'eventuale trattativa con il governo per ottenere la gestione a livello regionale di materie oggi di competenza centrale

Bankitalia, Renzi mattatore a Firenze: "Esprimere giudizio non è lesa maestà"

Bankitalia, Renzi mattatore a Firenze: "Esprimere giudizio non è lesa maestà"

Il segretario Pd alla festa del quotidiano 'Il Foglio': "Non possiamo arrivare al paradosso che qualcuno è intoccabile, inviolabile, ingiudicabile"