Giovedì 25 Agosto 2016 - 11:15

Terremoto, padre con figlia dispersa: Mia moglie è disperata

"Siamo scappati in pigiama da Accumoli. Ora aspettiamo mentre la cercano"

Terremoto, padre con figlia dispersa: Mia moglie è disperata

"Mia figlia abita ad Amatrice in un vicolo vicino a corso Umberto primo, nel centro distrutto del paese e dalla notte della prima terribile scossa non abbiamo più notizie di lei. Noi siamo di Accumoli ma Rosella che ha 37 anni si è trasferita ad Amatrice per lavorare in una ferramenta. Noi con mio figlio ad Accumoli abbiamo la casa distrutta. Ieri siamo venuti qua come siamo scappati in pigiama da casa nostra l'altra notte. Stanotte abbiamo dormito nel campo sfollati di Accumoli. Oggi siamo tornati ad attendere mentre la cercano: mia moglie è disperata e piange da quella notte". Parla Giovanni Adduci che aspetta in angoscia da ore ad Amatrice fuori dalla zona rossa, in attesa di notizie sulle ricerche per sua figlia dispersa.

"Mia figlia abita in una casa nel centro vicino a un forno di panetteria", aggiunge il padre. Proprio in corso Umberto Primo che a tratti non esiste più un edificio che ospitava un forno è crollato.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Condannato a 30 ann Fabio Di Lello: uccise l'uomo che investì la moglie

Vasto, condannato a 30 anni Fabio Di Lello: uccise l'uomo che investì la moglie

L'omicidio lo scorso primo febbraio, la procura di Lanciano aveva chiesto l'ergastolo: il 34enne resta in carcere

Roma, processo matrimonio Lollobrigida: assolto 'falso' marito

Processo su nozze Lollobrigida: assolto 'falso' marito

A denunciarlo l'attrice, che si era detta vittima di una truffa

Terrorismo, Minniti firma espulsione per tunisino estremista

Terrorismo, firmata espulsione per tunisino estremista

L'uomo era stato arrestato per propaganda jihadista sul web

Corona, collaboratrice: Fuori dalla società c'era la fila di clienti

Corona, collaboratrice: Fuori dalla società c'era la fila di clienti

Il racconto di Alice Perdon, che lavorava con il re dei paparazzi