Domenica 30 Ottobre 2016 - 11:45

Terremoto, monaci Norcia su Twitter: Basilica crollata, noi stiamo bene

Sul profilo @monksofnorcia la dichiarazione di padre Benedetto

Crolla la Basilica di Norcia

"Cari amici, stamattina, verso le 7.40, un fortissimo terremoto ha colpito la zona vicino a Norcia. Noi monaci stiamo tutti bene, ma i nostri cuori vanno subito a chi è stato colpito, e i frati del monastero cercano di capire se qualcuno ha bisogno dell'estrema unzione". Lo scrive padre Benedetto, priore dei monaci del monastero di San Benedetto di Norcia, crollato questa mattina in seguito alla scossa di magnitudo 6.5 in centro Italia. La nota viene richiamata dai monaci di Norcia tramite il loro profilo Twitter @monksofnorcia in un post in cui scrivono: "La Basilica è crollata".

"La Basilica di San Benedetto, la storica chiesa costruita sopra la casa di San Benedetto, è crollata a seguito di queste ultime scosse. Che questa immagine - aggiunge - serva ad illustrare la potenza del terremoto, e l'urgenza che noi monaci sentiamo nell'andare in soccorso di di chi ha bisogno dei Sacramenti in questa difficile giornata per l'Italia. Affidandoci come sempre alle vostre preghiere e al vostro supporto. Padre Benedetto. Vicepriore".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Roma, maltempo - allagamenti e alberi caduti sulla capitale

Maltempo in Italia, è allerta meteo: migliaia di euro di danni alle coltivazioni

Colpite soprattutto Toscana, Emilia Romagna, Lombardia e Lazio

Roma, Lotus Evora S auto dei Carabinieri in pattugliamento

Ragusa, espulso 29enne tunisino: inneggiava all'Isis

Su Facebook manifestava la sua adesione ideologica al terrorismo di matrice religiosa islamica

Roma, maltempo con pioggia e nuvole

Nuvole e rovesci sparsi: il meteo del 16 e 17 luglio

Le previsioni dell'aeronautica militare

Milano, Infortunio sul lavoro a Palazzo Reale

Teramo, morta una donna di 48 anni: è precipitata da belvedere di Campli

Il volo da un'altezza di circa 10 metri. Per lei non c'è stato niente da fare