Lunedì 12 Settembre 2016 - 11:45

Terremoto, Comune di Amatrice querela Charlie Hebdo

Il settimanale satirico accusato di diffamazione per le vignette pubblicate dopo il sisma

Terremoto, il Comune di Amatrice querela Charlie Hebdo

Il Comune di Amatrice ha depositato presso la procura di Rieti una querela per diffamazione in merito alle le vignette pubblicate dal periodico satirico francese Charlie Hebdo. A presentare la denuncia è stato l'avvocato Mario Cicchetti, che rappresenta il Comune colpito dal sisma del 24 agosto. Il caso era esploso quando il settimanale aveva pubblicato due vignette sulle vittime del terremoto in Centro Italia. "Sisma all'italiana: penne al pomodoro, penne al gratin, lasagne" era la didascalia a corredo di un disegno che mostrava due superstiti insaguinati e feriti, accostati rispettivamente alle penne al pomodoro (il sangue) e al gratin (le ferite), e una pila di morti sepolti da macerie, in un'immagine che ricorda gli strati delle lasagne. La vignetta, firmata dal vignettista Felix, aveva scatenato moltissime reazioni negative sui social network. Ma il settimanale aveva risposto alle polemiche con una seconda vignetta. Nel disegno si vedeva un uomo ancora vivo ma ferito in mezzo alle macerie. A commento la scritta: "Italiani, non è Charlie Hebdo che costruisce le vostre case, è la mafia".

LEGGI ANCHE 'Charlie Hebdo, vignetta irride vittime del terremoto italiano'

LEGGI ANCHE 'Terremoto, Charlie Hebdo fa satira sui morti: è polemica'

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Due fermi per la morte di Emanuele Morganti. La fidanzata: Feroci come le bestie

Due fermi per la morte di Emanuele Morganti. La fidanzata: Feroci come le bestie

Nove gli indagati per l'omicidio del giovane, pestato a calci, pugni e sprangate tra venerdì e sabato notte ad Alatri

Trento, bimbi di due e quattro anni trovati morti. Inquirenti: Uccisi dal padre

Tragedia a Trento, uccide i figli di due e quattro anni e si suicida

L'uomo si è tolto la vita buttandosi in una scarpata: i bambini erano stati trovati senza vita dalla madre

Berlusconi: Il prestito a Lele Mora fu un atto di generosità

Berlusconi: Il prestito a Lele Mora fu un atto di generosità

L'ex premier oggi ha testimoniato al processo a carico di Emilio Fede

Berlusconi in aula a Milano, testimone a processo Emilio Fede

Berlusconi in aula a Milano, testimone a processo Emilio Fede

Udienza sulla bancarotta delle società di Lele Mora