Mercoledì 24 Agosto 2016 - 18:30

Terremoto, fotografo LaPresse: Ho visto le pareti di casa piegarsi

Roberto Monaldo racconta la terribile esperienza vissuta questa notte ad Amatrice

Terremoto, fotografo di LaPresse: Ho visto le pareti di casa piegarsi

"La cosa più spaventosa è il rumore: hai l'impressione che sia esplosa una bomba nella testa. Un rumore sordo, brutto. Poi apri gli occhi e vedi le pareti della tua camera che si stanno piegando e pensi che finiranno per travolgerti. Poi piano piano scopri di essere ancora vivo. Vivo per miracolo". Roberto Monaldo fotografo de LaPresse racconta la terribile esperienza vissuta questa notte, dopo essere scampato, insieme ai genitori, al terremoto che ha devestato Amatrice e i paesi vicini.

"Ero ad Amatrice a casa della mia famiglia, mia madre è originaria proprio del paese, e stamani dovevamo ripartire tutti insieme per Roma. Poi è successo quel che non ti aspetti. Tra l'altro" racconta ancora Monaldo, "io dormivo nella parte della casa completamente crollata mentre i mei genitori, per fortuna, erano nella parte che ha resistito subendo pochi danni". Alla fine di questa terribile avventura Monaldo ammette di "essere un pò acciaccato, qualche botta, qualche contusione ma niente di drammatico".
Una notte lunga e scioccante. "Quando mi sono reso conto che le pareti della mia camera da letto non mi erano crollate adosso si è posto il problema di come uscire visto che porta e finestre erano bloccate. Ci sono riuscito infilandomi in una apertura che si era prodotta nel muro e devo dire che l'immagine che ho visto mi ha terrorizzato: le macerie della casa erano arrivate al secondo piano".

Il fotografo de LaPresse racconta di essere sceso e di essersi subito preoccupato dei genitori. "Come ho detto erano nella parte di casa meno colpita dal terremoto ma il problema era che non potevano uscire perché la porta della camera era completamente bloccata. Con un vicino ci siamo procurati un piccone e abbiamo cominciato a sfondare la porta e il muro riuscendo a praticare un'apertura verso l'esterno. Restava comunque il problema di come farli scendere in strada tenendo anche conto del fatto che mio padre e mia madre hanno ottant'anni. Piano piano con una scala, come fossimo due pompieri, io e il vicino li abbiamo fatti scendere e tratti in salvo senza incidenti e senza che abbiano avuto bisogno di farsi accompagnare in ospedale".

Scritto da 
  • Riccardo Bormioli
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Blitz allevatori all'Antitrust per la 'Guerra del latte'

Antitrust, al via al 13mo convegno: tra gli sponsor anche Intesa San Paolo

I lavori saranno aperti il prossimo 24 maggio dal Johannes Laitenberger, direttore generale della concorrenza della Commissione europea e dal presidenye Agcom Giovanni Pitruzzella

Bari, turista americana trovata morta in un b&b con lividi sul collo

Fermo, lite culmina in tragedia: pensionato uccide la moglie con un fucile

Le ha sparato tre colpi al petto, durante un litigio in camera da letto

Francavilla, uomo lancia figlia della convivente dal viadotto della A14 e si suicida

La tragedia del cavalcavia. "Filippone non aveva problemi psichici"

Chieti: tre le vittime della follia dell'uomo: la moglie, la figlia e lui stesso. Molti aspetti ancora da chiarire

Presentazione del progetto " Stradeinfesta "

Roma si mobilita per la Casa delle donne. Raggi: "Non la chiuderemo"

A rischio la storica sede di associazioni dei movimenti femministi in via della Lungara. La consigliera M5S Guerini intenderebbe trasformarla in un centro di coordinamento gestito da Roma Capitale