Mercoledì 24 Agosto 2016 - 15:15

Terremoto, bilancio provvisorio di almeno 65 vittime

Sale il numero dei morti in seguito al sisma, ma il drammatico conteggio non è definitivo

Terremoto, bilancio provvisorio di almeno 65 vittime

Le vittime del sisma, secondo un bilancio provvisorio non ufficiale, sarebbe di almeno 65 vittime: 17 nelle Marche, il resto nel Lazio. Ad Amatrice si sono registrate per il momento 37 vittime, ad Accumoli 7, a cui di aggiungono altri 4 dispersi: nei comuni laziali colpiti, quindi, le vittime sarebbero almeno 48. 3.36 di questa notte si è registrata una forte scossa di terremoto di magnitudo 6.0 a 4 chilometri dalla superfice e con epicentro ad Accumoli, in provincia di Rieti nel Lazio, a pochi chilometri, equidistante, tra Norcia e Amatrice. "Il numero delle vittime al momento è impossibile farlo perchè le notizie sono frammentarie e non accertate del tutto. Meglio rinviare il bilancio a più tardi", ha spiegato Bruno Frattasi,capo del dipartimento dei vigili del fuoco. Ad Amatrice si registrano i danni più gravi, con il sindaco Sergio Perozzi che racconta prima a Radio Rai e poi al telefono con Sky: "Il paese non c'è più. C'è gente sotto le macerie, temo morti".

LEGGI ANCHE 'Terremoto 6.0 devasta Centro Italia tra Rieti, Ascoli e Perugia VIDEO/FOTO'

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Mamma uccide figli a Suzzara in provincia di Mantova

Catania, due anziane sorelle uccise in casa: ipotesi rapina

I corpi trovati nella loro nella loro abitazione di Ramacca messa a soqquadro. Indagano i caraninieri

Processo a carico di Marco Cappato, accusato di aiuto al suicidio per vicenda dj Fabo

Dj Fabo, Cappato: "Era mio dovere aiutarlo a morire"

L'esponente dei Radicali al processo che lo vede imputato per aiuto al suicidio e per aver accompagnato in auto in Svizzera il 40enne milanese

Matteo Renzi visita la Tegim Telethon a Pozzuoli

Malattie rare: oltre 6mila patologie colpiscono 600mila italiani

Sono casi gravi, spesso letali, e spesso non esistono terapie disponibili