Mercoledì 02 Novembre 2016 - 15:30

Terremoto, 50mila beni artistici da salvare prima della neve

"Gli interventi costeranno 3 miliardi", spiega a LaPresse il prefetto responsabile dell'unità di crisi del Mibact

Terremoto, 50mila beni da salvare prima delle neve

Sono almeno 50mila i beni e le opere d'arte da mettere in salvo in seguito ai terremoti del centro Italia "prima che arrivi la neve". E' l'allarme lanciato la Fabio Carapezza Guttuso, prefetto responsabile dell'unità di crisi del Mibact che coordina il recupero e la messa in sicurezza del patrimonio culturale colpito dal sisma. Sentito da LaPresse, Carapezza Guttuso spiega che sono arrivate "segnalazioni di danni, in alcuni casi gravissimi, su oltre 5.000 immobili di pregio perlopiù chiese, nelle quali è conservato l'80 per cento delle opere a rischio: tele, statue, paramenti sacri, affreschi, opere di oreficeria e organi".

"Ci vorranno almeno tre miliardi di euro per il recupero di questi beni - sottolinea il prefetto - anche perché in moltissimi casi non basta più la messa in sicurezza" e dove tutto è crollato ci sono costi importanti da mettere in conto per la raccolta delle macerie che vanno catalogate per la ricostruzione.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Quattro letti e gamberetti a pranzo: il gatto Gerry eredita 30mila euro

Il felino è stato citato nel testamento della sua anziana padrona. Ora i familiari della donna dovranno provvedere al "mantenimentodel suo benessere"

Vento fino a 200 km/h: due morti e due feriti, disagi in tutta Italia

Sono stati 1226 gli interventi dei vigili del fuoco per alberi sradicati. Difficili i collegamenti con le isole minori della Toscana

Napoli, processo Silvio Berlusconi  per corruzione

Caso Consip, archiviate indagini su Woodcock e Sciarelli

Il pm era indagato per falso e, insieme alla giornalista, per rivelazione del segreto d'ufficio. Continuano le indagini su altre 12 persone

Sentenza processo Emilio Fede

Avvocatessa col velo cacciata dall'aula del Tar di Bologna

Aveva il volto scoperto. Le è stato impedito di seguire il processo. Origini marocchine, da 25 anni in Italia dove si è laureata: "Non mi era mai successo"