Mercoledì 21 Giugno 2017 - 18:45

Teramo, dottoressa uccisa davanti ospedale: era vittima di stalking

La donna aveva già sporto denuncia alle forze dell'ordine. Aveva da poco finito di lavorare quando è stata accoltellata

Teramo, dottoressa uccisa a Sant'Omero: è stata accoltellata davanti all'ospedale

Una dottoressa è stata accoltellata davanti all'ospedale dove lavorava a Sant'Omero, in provincia di Teramo. Da quanto si apprende, la donna, Ester Pasqualoni, sarebbe stata subito ricoverata in gravi condizioni, ma è morta poco dopo. Sul posto i carabinieri della Compagnia di Alba Adriatica e gli uomini del comando provinciale di Teramo. La donna aveva da poco finito di lavorare quando è stata aggredita e pugnalata nel parcheggio dell'ospedale.

La dottoressa era vittima di stalking e aveva già sporto denuncia alle forze dell'ordine. Secondo quanto si apprende, la donna, 53 anni, viveva a Roseto degli Abruzzi, era separata dal marito e aveva due figli di 11 e 16 anni. Dalle prime ricostruzioni l'omicidio non sarebbe collegato alla sua attività professionale: la dottoressa era infatti molto apprezzata all'interno del reparto di oncologia da colleghi e pazienti. Le forze dell'ordine sono a caccia dell'assassino. 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Catania, maxi sbarco migranti a bordo della nave "Vos Hestia" di Save the children

Migranti, nave Save the Children perquisita dalla polizia a Catania

Le operazioni a bordo della Vos Hestia. L'Ong: "Noi estranei alle indagini, sospendiamo operazioni in mare"

Brescia, incidente mortale alla gara di auto Malegno Borno

Incidente mortale a Riccione: passante fa diretta Fb ma non chiama i soccorsi

Indignazione sul web nei confronti del ventinovenne che ha messo online il decesso di un altro ragazzo

Legnano, operaio muore in seguito al crollo di un impalcatura

Puglia, reati contro la pubblica amministrazione: arrestati i sindaci di Torchiarolo e Villa Castelli

L'operazione dei carabinieri. In manette 12 persone tra cui anche vari dirigenti di uffici tecnici comunali