Lunedì 20 Giugno 2016 - 17:30

Sparatoria sul treno Thalys Amsterdam-Parigi: 6 arresti

Nelle perquisizioni effettuate a Bruxelles non sono stati trovati esplosivi né armi

Sparatoria su treno tra Amsterdam e Parigi

La polizia belga ha arrestato sei persone, nel corso di sei perquisizioni portate a termina a Bruxelles, nell'ambito delle indagini sul tentato attentato del 21 agosto scorso sul treno Thalys Amsterdam-Parigi. Lo riferisce la procura federale, spiegando che quattro delle perquisizioni si sono tenute nel quartiere di Molenbeek, una a Woluwé-Saint-Lambert e un'altra a Haren. Il giudice istruttorio deciderà nelle prossime ore sull'eventuale conferma dell'arresto. Nelle perquisizioni non sono stati trovati esplosivi né armi.

Lo scorso 21 agosto Ayoub El Khazzani, di origini marocchine, salì a Bruxelles sul treno Thalys che copriva la tratta Amsterdam-Parigi con una borsa piena di armi. El Khazzani fu fermato da diversi passeggeri del treno, fra cui alcuni militari Usa che erano lì per turismo. Il bilancio fu di due feriti gravi.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

New York, esplosione a fermata degli autobus di Manhattan

Esplosione a Nyc, un arrestato con giubbotto esplosivo. Forse collegato all'Isis

Tra la 42esima strada e la 8th Avenue. Evacuate le linee metro. L'attentatore rimasto ferito da un tubo-bomba

Russian President Vladimir Putin addresses officials of Rostec high-technology state corporation at the Novo-Ogaryovo state residence outside Moscow

Putin ordina il ritiro delle truppe russe dalla Siria

Il presidente ha avuto un colloquio a sorpresa con il suo omologo siriano Bashar al-Assad

Saudi Arabia's King Salman bin Abdulaziz Al Saud presides over a cabinet meeting in Riyadh

Nuova svolta in Arabia Saudita: riaprono i cinema dopo 35 anni

Dopo le donne alla guida, il re Salman decide di riaprire le sale cinematografiche vietate dagli anni '80

Ue-Israele, Mogherini riceve Netanyahu

Gerusalemme, Netanyahu: "È capitale Israele, anche Paesi Ue lo riconosceranno"

Il premier israeliano parla di fronte all'Unione Europea insieme all'alto rappresentante per gli Affari esteri Federica Mogherini