Lunedì 20 Giugno 2016 - 17:30

Sparatoria sul treno Thalys Amsterdam-Parigi: 6 arresti

Nelle perquisizioni effettuate a Bruxelles non sono stati trovati esplosivi né armi

Sparatoria su treno tra Amsterdam e Parigi

La polizia belga ha arrestato sei persone, nel corso di sei perquisizioni portate a termina a Bruxelles, nell'ambito delle indagini sul tentato attentato del 21 agosto scorso sul treno Thalys Amsterdam-Parigi. Lo riferisce la procura federale, spiegando che quattro delle perquisizioni si sono tenute nel quartiere di Molenbeek, una a Woluwé-Saint-Lambert e un'altra a Haren. Il giudice istruttorio deciderà nelle prossime ore sull'eventuale conferma dell'arresto. Nelle perquisizioni non sono stati trovati esplosivi né armi.

Lo scorso 21 agosto Ayoub El Khazzani, di origini marocchine, salì a Bruxelles sul treno Thalys che copriva la tratta Amsterdam-Parigi con una borsa piena di armi. El Khazzani fu fermato da diversi passeggeri del treno, fra cui alcuni militari Usa che erano lì per turismo. Il bilancio fu di due feriti gravi.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

FRA, UEFA EL, Olympique Marseille vs Atletico Madrid

Francia, 32enne originario del Burkina Faso picchiato a morte da adolescenti

L'aggressione nel quartiere Saragosse venerdì sera. Massacrato da una gang di giovani, tra i 12 e 14 anni, che avrebbero usato anche il piede di una sedia di plastica

US-POLITICS-TRUMP-PRISON REFORM

Russiagate, Trump chiede inchiesta su spionaggio durante sua campagna

Il presidente Usa vuole fare chiarezza sulla possibile infiltrazione dell'amministrazione Obama

Lo chef Mario Batali coinvolto in un caso di molestie sessuali a passeggio per New York

Usa, nuove accuse di molestie e violenza contro lo chef Mario Batali

Avrebbe aggredito due ex dipendenti del ristorante newyorkese 'The Spotted Pig' sotto l'effetto di droghe e alcol

Venezuela,Maduro riconfermato presidente

Venezuela, rieletto Maduro. Ma l'opposizione grida ai brogli

Il presidente riconfermato fino al 2025. Gli avversari denunciano pressioni sugli elettori e chiedono una nuova consultazione