Mercoledì 22 Novembre 2017 - 13:15

"Tempo scaduto". La sinistra va da sola alle elezioni. Lista Mdp-Si-Possibile

L'annuncio dopo l'incontro con Fassino: "Non c'è più margine". Grasso candidato? Lui precisa: "Non ho sciolto la riserva"

Università di Pavia - Inaugurazione dell'anno accademico

"Il tempo è scaduto. Non c'è margine per un'intesa. Siamo fuori tempo massimo. Faremo una lista unitaria con Mdp-Si-Possibile". Lo hanno detto i capigruppo di Sinistra Italiana e Articolo1-Mdp Giulio Marcon e Cecilia Guerra dopo l'incontro con il 'pontiere' del Pd Piero Fassino in vista di una coalizione di centrosinistra.

"Il 3 dicembre faremo un'assemblea della lista unitaria Mdp-Si-Possibile e naturalmente Grasso ci sarà e sarà il nostro leader". Precisa Marcon. Ma a stretto giro arriva la precisazione del presidente del Senato Pietro Grasso:"Come già ripetuto in altre occasioni il presidente Grasso in questo momento non ha sciolto alcuna riserva in merito al suo futuro. Notizie e dichiarazioni in un senso o nell'altro vanno lette solo come auspici dei singoli, e non interpretano il suo pensiero o le sue decisioni. Quando queste saranno prese sarà lui stesso a comunicarle".

Speranza su Grasso - Sulla questione di Grasso interviene il leader Mdp, Roberto Speranza: "Non vogliamo una forza piccola e residuale ma una forza grande e di sinistra, di cultura laica e socialista. Non vogliamo una piccola casa, ma un campo grande e forte. Pietro Grasso è un punto di riferimento ma è la seconda carica dello Stato e non voglio tirarlo per la giacchetta. Anche Rosy Bindi è un riferimento importante. Per lei vale quello che diciamo per altre cariche. Rosy è una personalità bella, che stimo e a cui sono anche affezionato"

Civati sulla rottura - "La rottura non si è consumata oggi, ma nel corso di una lunga legislatura, tra presunte riforme del lavoro e della scuola, leggi di riforma costituzionale bocciate dagli elettori, sistemi elettorali offensivi nei modi e nella sostanza, scelte economiche di sapore squisitamente elettorale, politiche ambientali timide o addirittura fossili, innalzamento della soglia del contante, regali fiscali ai più benestanti, Verdini e Nazareni che hanno fatto risorgere la destra". Lo scrive sul suo blog il deputato e segretario di Possibile, Pippo Civati, commentando l'esito dell'incontro tra Piero Fassino e la sinistra unita. "Non si è consumata ora quella rottura - conclude Civati - ma nel voto degli italiani, nella forte disillusione e nel continuo attaccare la sinistra, che è stata la cifra di tutta la retorica politica di Renzi, di cui il suo ultimo libro è una limpida testimonianza. Una legislatura contro i cittadini e contro la sinistra. Questa è la rottura"

Le proposte di Fassino - La replica del Pd arriva dallo stesso "pontiere", Piero Fassino che rivela di aver portato all'attenzione di Mdp, Si e Possibile una proposta di merito "vera" su Jiobs Act e "superticket":"Abbiamo incontrato una delegazione di Mdp-Sinistra italiana e Possibile. Ci siamo presentati con una proposta vera e sincera di misure che potessero diventare un punto di convergenza. Misure rivolte innanzi tutto al lavoro, misure integrative sul Jobs act per rendere più conveniente il contratto a tempo indeterminato, misure integrative di maggiore tutela in caso di licenziamento, raddoppio dei fondi per il reddito di inclusione. Abbiamo proposto l'aumento delle risorse per il fondo sanitario nazionale e in questo quadro l'avvio del superamento del superticket. La stabilizzazione e l'allargamento a una base più ampia di lavoratori dell'anticipo pensionistico a 63 anni per chi ha svolto lavori usuranti. Come una serie misure che vanno dalla decarbonizzazione al consumo di suolo che vadano nella direzione di caratterizzare l'alleanza di centro sinistra dal punto di vista ambientale ed ecologico. Sul terreno dei diritti abbiamo confermato la volontà di arrivare all'adozione delle leggi sullo ius soli e sul fine vita prima della fine della legislatura"

Poi Fassino prende atto della risposta negativa dei tre gruppi di sinistra: "Queste le nostre proposte e poi molte altre che hanno costituito la base per un confronto programmatico vero a questa nostra disponibilità ci è stato risposto che le nostre proposte erano interessanti e innovative ma che non sussistono le condizioni politiche per determinare un'intesa. Io non posso che esprimere rammarico. Ovviamente in un matrimonio dobbiamo essere in due e di fronte a questo atteggiamento di non disponibilità noi prendiamo atto. Continueremo il confronto con le altre forze (Pisapia e i rappresentanti di Campo progressista, Emma Bonino e i radicali, i Verdi, i socialisti, l'Idv e le forze cattoliche-moderate) con le quali abbiamo interloquito in queste settimane e quelle proposte rimangono per noi del tutto vive e saranno la base del programma della coalizione di centrosinistra che realizzeremo con le altre forze politiche".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Comunali Roma, Bertolaso non è più candidato a sindaco di Roma

Matteoli, cordoglio bipartizan per la morte di un politico di lungo corso

Centrodestra e centrosinistra uniti e rattristati nel ricordare un uomo che si è sempre battuto per le sue posizioni

FILE PHOTO: Italy's former Prime Minister Silvio Berlusconi gestures as he attends television talk show "Porta a Porta" (Door to Door) in Rome

Sondaggio Swg, Pd in calo al 25%, Centrodestra al 35%, Grillini fermi al 26%

Intervista a Pessato. Il Paese cerca stabilità. Sale la coalizione di Berlusconi e Salvini. Renzi ancora in discesa, M5S non sfonda. ma da qui al voto c'è tempo per tutti

Incidente sull'Aurelia: muore l'ex ministro Altero Matteoli, aveva 77 anni

Lo scontro nei pressi di Capalbio. Il cordoglio della politica è decisamente bipartisan

Residenza Ripetta. Convegno "Servizi pubblici e nuova politica" con Luigi Di Maio

Di Maio: "Voterei sì all'uscita dall'euro". Renzi: "Pura follia"

L'esponente M5S, in un'intervista all'Aria che tira, dice la sua posizione nel caso di referendum: "Vorrebbe dire che la Ue non ci ha ascoltato"