Mercoledì 22 Giugno 2016 - 15:30

Tecnologia, arriva videocitofono connesso di BTicino

Il wi-fi integrato consente, scaricando un'app gratuita, la connettività con più smartphone

Franco Villani, amministratore delegato di BTicino

Semplicità. Su questa parola in particolare tengono a porre l'accento Franco Villani, amministratore delegato BTicino, e Diego Gianetti, direttore commerciale dell'azienda. Ieri sera è stato presentato il nuovo videocitofono connesso CLASSE 300X13E, anche se, a questo oggetto evoluto e avveniristico, la definizione di 'videocitofono' va un po' stretta: la connettività wi-fi integrata consente, scaricando un'app gratuita che funziona con Android e con iOS, la connessione con più smartphone, dai quali si possono compiere azioni mai realizzate prima. Dal cellulare, quindi, è possibile, anche in remoto, gestire le chiamate con la casa, aprire il cancello, attivare telecamere, azionare luci o l'impianto di irrigazione in giardino.
"La casa è il luogo nel quale va la maggior parte dei nostri prodotti, è l'ambito in cui siamo leader storici - dichiara Villani - è questo l'ambiente in cui abbiamo le carte da giocare migliori. Nella casa ci sono esigenze evidenti dove un prodotto connesso può aggiungere funzionalità pratiche e semplici".

In poche parole, grazie al videocitofono connesso CLASSE 300X13E, in un attimo di pigrizia o se si è impegnati a cucinare, si può aprire il cancello dal proprio cellulare, ma si può fare la stessa cosa anche se si è fuori casa, in vacanza, proprio come se si fosse fisicamente presenti nell'abitazione. Non solo: si può chiamare direttamente a casa propria, aprire il cancello in assenza di radiocomando, ma anche dare un occhio dentro (o fuori) casa attivando le telecamere con un semplice click sullo smartphone.

Se la cosa che spaventa è l'installazione, BTicino ha pensato anche a questo aspetto: prima, "per avere una funzione videocitofonica in remoto, si doveva di fatto mettere mano all'impianto, spendendo qualche migliaio di euro - spiega Gianetti - quindi si faceva in occasione di una casa nuova o una ristrutturazione importante". Adesso, invece, "con questa tecnologia con wifi a bordo non c'è bisogno di mettere mano all'impianto - prosegue il direttore commerciale - anzi: se si ha già un impianto BTicino due fili, si deve solo sostituire il monitor già installato con quello più evoluto". In poche parole, non saranno necessari interventi di muratura all'interno della propria abitazione. Anche la configurazione del dispositivo è semplice e intuitiva, come l'app 'Door Entry', che permette di gestire tutte le funzioni. Ultimo aspetto, non certo marginale, è l'estetica: "BTicino cura molto anche l'aspetto dell'oggetto - conclude Gianetti - perché viene esposto nelle nostre case ed è visibile a tutti".

"C'è chi dice che tutte le evoluzioni tecnologiche siano caratterizzate da tre fasi - spiega Villani - la prima è quella in cui appaiono ridicole, nella seconda appaiono pericolose". La terza fase, invece, "avviene quando ormai il cambiamento è in corso e inarrestabile - conclude l'amministratore delegato - e le cose appaiono ovvie: siamo già in questa fase, in cui dobbiamo trasformare in nuove opportunità questo cambiamento che è già reale".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

GCSE computer science coursework cheating claims

Acquistare online, le regole per non cadere nelle truffe

L'e-commerce è comodo e conveniente, ma bisogna utilizzarlo con attenzione: Internet è pieno di venditori poco affidabili

Milano, La ludoteca Ore Felici in via delle Forze Armate 103

Se una banca si trasforma in ludoteca: il gioco da tavolo diventa solidale per Telethon

Appuntamento sabato 16 dicembre, dalle 10 alle 22, per "Ludo-banca: ci divertiamo... seriamente", un evento Bnl per scoprire nuovi giochi di società e finanziare la ricerca scientifica

KAZ, ISS Expedition, 52. Langzeitbesatzung der Internationalen Raumstation

Spazio, Paolo Nespoli torna sulla Terra: atterrata la navetta Souyz

L'astronauta torna a casa dopo 139 giorni di missione nella base spaziale

Un altro successo per Ariane 5. Lanciati nello spazio 4 satelliti Galileo

Sesta missione positiva nel 2017. I satelliti collocati perfettamente. Soddisfazione Avio (che produce i motori a propulsione solida): "Siamo player di riferimento per i lanciatori. Va avanti lo sviluppo del nuovo Vega C"