Martedì 21 Febbraio 2017 - 11:00

Mille tassisti in piazza a Montecitorio: esplosa una bomba carta

Nel presidio anche lavoratori ambulanti che protestano contro la direttiva Bolkenstein

Taxi, mille in piazza a Montecitorio: esplosa una bomba carta

 Sale la tensione in piazza Montecitorio, presidiata dai tassisti che per il sesto giorno consecutivo hanno incrociato le braccia contro il decreto Milleproroghe. Una bomba carta è esplosa poco fa. Il provvedimento sarà approvato oggi nell'aula della Camera, e contiene un emendamento che, secondo la categoria, deregolamenta il settore. 'Proroga sì. Stop bandi' sono i cartelli, numerosi, mostrati in una piazza affollata da circa mille persone, mentre continua a riempirsi anche piazza Colonna e via del corso con l'arrivo da tutto Italia dei tassisti. Ingente il dispiegamento di forze dell'ordine,  in tenuta antisommossa. Alle 15 è previsto l'incontro tra i sindacati dei tassisti è il ministro Graziano Delrio. Nel presidio sono presenti anche lavoratori ambulanti che protestano contro la direttiva Bolkenstein.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Governo, festa M5s. Grillo suona la campanella

Beppe Grillo compie 70 anni. M5S lo omaggia: "Paziente 0 che ha diffuso virus"

Il fondatore del blog scherza su Twitter: "Vi aspetto su Marte per il Movimento 6 Stelle! Siamo oltre!"

Vibo Valentia, 'giardini segreti' di marijuana: scoperte 26mila piante del clan

Colpo all'associazione criminale capeggiata da Emanuele Mancuso

TOPSHOT-LIBYA-EU-MIGRANTS-RESCUE

Navi Open Arms sbarcate a Palma: a bordo i due corpi e Josefa. Ong denuncia Libia e Italia per omicidio colposo

I cadaveri della donna e del bimbo, recuperati a largo delle coste della Libia, erano stati ripresi in un video choc pubblicato dall'ong su Twitter. La superstite tratta in salvo sarà affidata alle cure mediche. Nuovo sbarco a Lampedusa

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio