Venerdì 10 Giugno 2016 - 14:30

Tanzania, sequestrate e distrutte 26 tonnellate di marijuana

E' il più grande sequestro di droghe degli ultimi anni nell'Africa orientale

Tanzania, sequestrate e distrutte 26 tonnellate di marijuana

Maxi operazione contro il traffico di droga in Tanzania: la polizia ha sequestrato e distrutto 26 tonnellate di marijuana sul monte Meru. La droga era stata sequestrata nella regione nell'arco di un mese. Si tratta del più grande sequestro di droghe negli ultimi anni nell'Africa orientale. Le tonnellate di cannabis sono state distrutte nella discarica di Muriet, che si trova a pochi chilometri dalla città di Arusha, una delle principali zone di produzione di marijuana del Paese. La maggior parte della cannabis ricavata dall'area viene venduta nelle grandi città e nei vicini Uganda, Ruanda, Burundi,  Repubblica democratica del Congo, Etiopia e Sudan. Con una popolazione di circa 50 milioni di abitanti, la Tanzania è il quarto produttore al mondo di marijuana essiccata e produce anche significative quantità di khat.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Coree, incontro a sorpresa Kim-Moon. Summit con Trump ancora possibile

Si sono riuniti per la seconda volta (la prima era stata il mese scorso) a Panmunjom, villaggio che si trova nella zona demilitarizzata nota come Dmz

Libia, Fayez al-Sarraj parla con i giornalisti a Tripoli

Libia, le milizie: "Abbiamo preso i palazzi del potere a Tripoli"

Gli attivisti sui social riferiscono si tratti delle brigate Halbous, dei rivoluzionari e Ghaniwa. Ma il governo smentisce

Irlanda, domani il paese alle urne per il referendum sull'aborto

Storica svolta in Irlanda: sì al referendum sull'aborto

Il 66,4% degli elettori ha votato a favore dell'abrogazione del divieto costituzionale dell'interruzione volontaria di gravidanza. L'affluenza si è attestata al 64,1%

Forum economico internazionale di San Pietroburgo

Macron tende la mano a Conte: "Mai date lezioni agli italiani"

Il presidente francese dice la sua sul nuovo governo