soccorritore

Pagina 1 di 1
Lunedì, Ottobre 3, 2016 - 13:00

Naufragio Lampedusa, soccorritore: Si potevano salvare più vite

I soccorsi della guardia costiera la notte del 3 ottobre 2013, quella della strage di Lampedusa, sarebbero arrivati con venti minuti di ritardo, venti minuti che avrebbero potuto consentire di salvare molte più vite. E' la denuncia di Vito Fiorino, uno dei soccorritori che per primi furono presenti sul posto la notte della strage, alla vigilia dell'anniversario dei tre anni dalla tragedia. Non solo. Ma due delle persone che sono state messe in salvo "raccontano che delle barche hanno circumnavigato attorno a loro puntando dei grossi fari. Questa cosa è tipica delle imbarcazioni militari", ha aggiunto Fiorino. Il pm Andrea Maggioni ha chiarito che "fin da allora c'è un'indagine che riguarda anche eventuali possibili omissioni di soccorso sia da parte di imbarcazioni private sia eventualmente l'ipotesi di imbarcazioni istituzionali".