senato

Pagina 1 di 46
Martedì, Agosto 7, 2018 - 20:00

Dl Di Maio, via libera al Senato

Via libera tra cori da stadio e cartelli di protesta: il decreto Di Maio è legge dopo l'approvazione definitiva in Senato. 155 i sì, 125 i no con il Pd che lo bolla come il decreto discoccupazione. Il testo modifica il Jobs Act con la stretta sui contratti a termine che potranno essere sottoscritti per non più di 24 mesi in tutto invece degli attuali 36. Prevista l'estensione degli incentivi alle assunzioni degli under 35 fino al 2020; tornano i voucher per le aziende agricole e le strutture attive nel turismo. Giro di vite anche sul gioco d'azzardo. Soddisfatto i ministro del Lavoro di Maio che sottolinea: E' il primo decreto non scritto dalla lobby, hanno vinto i cittadini.

Martedì, Agosto 7, 2018 - 17:00

Dl Dignità è legge, in Senato scoppia la contestazione

Bagarre in Senato subito dopo l'esito della votazione del dl Di Maio, approvato con 155 Sì (125 No e un astenuto) e diventato quindi legge (avendo già avuto luce verde dalla Camera). I senatori del Pd hanno mostato cartelli con la scritta "80mila #byebyelavoro", mentre i sostenitori del decreto urlavano "Dignità!". E' intervenuta la presidente del Senato Elisabetta Casellati dicendo: "Non siamo all'asilo, e neanche allo stadio".

Lunedì, Agosto 6, 2018 - 13:45

Vaccini, scontro in Senato. Casellati al Pd: "Andate a scuola"

Bagarre in Senato, in apertura della seduta sulla discussione del decreto Milleproroghe, tra i senatori del Pd e la presidente dell'Aula Elisabetta Casellati. I primi hanno chiesto di esporre il proprio parere contrario all'approvazione del verbale della seduta precedente, in cui era stato approvato un emendamento sui vaccini a cui il Pd non era favorevole. Nel momento in cui Casellati ha fatto notare al Pd che il tempo per parlare era scaduto, si è scatenato lo scontro tra la presidente e i senatori dem.

Mercoledì, Giugno 13, 2018 - 13:00

Migranti, Salvini cita il Vangelo: "Ama il prossimo tuo, ma il mio prossimo è anche italiano.."

Matteo Salvini cita anche il Vangelo mentre riferisce in Senato sulla vicenda Aquarius. "Ama il prossimo tuo, va bene: il mio prossimo sono donne e bambini che scappano dalla guerra, ma anche gli italiani che hanno perso lavoro, casa e speranza", afferma il ministro dell'Interno a Palazzo Madama. Da Salvini anche un attacco al finanziere ungherese George Soros.

Mercoledì, Giugno 13, 2018 - 12:45

Protesta in Senato su Aquarius, Salvini: "Non mi dà fastidio Macron, figuriamoci i cartelli"

"Non mi dà fastidio Macron, figuratevi se mi danno fastidio i cartelli". Così il ministro dell'Interno Matteo Salvini ha commentato i cartelli esposti dall'opposizione in Senato durante il suo intervento sulla vicenda Aquarius.

Mercoledì, Giugno 6, 2018 - 07:30

Governo, Conte incassa la fiducia al Senato

Il nuovo governo gialloverde di Giuseppe Conte ha ottenuto la fiducia al Senato. Hanno votato a favore 171 senatori; 117 quelli contrari, 25 gli astenuti. Con il sì compatto dei 58 senatori leghisti e dei 109 pentastellati, l'esecutivo è arrivato come previsto a quota 167, ma ha superato la cifra con il voto favorevole di quattro senatori aggiuntivi, non iscritti ad alcuna delle due formazioni: i due ex pentastellati Maurizio Buccarella e Carlo Martelli, espulsi dai Cinque Stelle per lo scandalo Rimborsopoli, Ricardo Antonio Merlo e Adriano Cario, esponenti del MAIE ed eletti all'estero. Oggi il nuovo esecutivo è atteso per la fiducia alla Camera dei Deputati.

Martedì, Giugno 5, 2018 - 14:15

"Non siamo insensibili": Conte in Senato ricorda Soumayla

Standing ovation dopo la riflessione del premier sul maliano ucciso in Calabria

Martedì, Giugno 5, 2018 - 13:30

Conte ricorda Soumayla, il migrante sindacalista ucciso in Calabria

Standing ovation dopo il ricordo del premier per il maliano ucciso in Calabria

Martedì, Giugno 5, 2018 - 13:15

Conte: "Se il populismo è ascoltare la gente allora siamo populisti"

Giuseppe Conte rivendica il tratto populista del governo gialloverde citando Dostoevski: "Se il populismo è l’attitudine della classe dirigente ad ascoltare i bisogni della gente se 'anti-sistema' significa mirare a introdurre un nuovo sistema, che rimuova vecchi privilegi e incrostazioni di potere, ebbene queste forze politiche meritano entrambe queste qualificazioni". Così il presidente del Consiglio durante il suo discorso programmatico al Senato, nel giorno della fiducia al governo M5s-Lega.

Martedì 05 Giugno 2018 - 13:00

Apertura alla Russia, taglio dei vitalizi e flat tax. Ecco il programma di Conte

Il premier ha chiesto la fiducia al Senato. "Avverto pesante responsabilità". Saluto a Mattarella. Poi la difesa del "populismo"

Pagine