migrante

Pagina 1 di 2
Venerdì, Agosto 3, 2018 - 09:45

"C'è un nero in spiaggia. Salvini, dove sei?": l'ironia di Grillo su Facebook

"Salvini dove sei? Qui sono in mezzo a noi, è in spiaggia, sdraiato sul lettino, prende i sole e dorme... Ma guarda... sta entrando in acqua a fare il bagno, ci sono i bambini. E poi ordina al bar come noi. Fai qualcosa perché la situazione ti sta scappando di mano. Sennò chiamo Luigi (Di Maio), ma poi lui è buono". Così Beppe Grillo ironizza sulla presenza di alcuni immigrati nei luoghi di villeggiatura. Improvvisa una telefonata al ministro dell'Interno e auspica il suo intervento. Il video è stato postato sulla sua pagina Facebook scatenando i commenti di sostenitori e detrattori.

Mercoledì, Luglio 25, 2018 - 19:45

Presto dimesso Israel, il figlio della migrante respinta dalla Francia morta dopo il parto

Quando è nato pesava solo 700 gr, ora ne pesa 3.800 e presto potrà essere dimesso dall'ospedale. E' fuori pericolo il piccolo Israel, il figlio della donna nigeriana respinta al confine francese nel febbraio scorso e morta dopo il parto prematuro all'ospedale Sant'Anna di Torino per le conseguenze di una grave malattia. Il papà del bambino, Destiny, ha voluto ringraziare tutti coloro che lo hanno aiutato sinora: dal vescovo alla questura di Torino, dal Comune ai medici e i volontari che si sono offerti di dare una mano. L'uomo fa però un'ultima supplica: gli serve un lavoro per poter mantenere se stesso e suo figlio senza più dipendere dagli altri.

Lunedì, Giugno 4, 2018 - 19:00

San Ferdinando, la denuncia del migrante: "Tre euro per quattro ore di lavoro"

I migranti di San Ferdinando sono usciti in strada per protestare per l'uccisione del bracciante sindacalista maliano Soumalaya Sacko, rimasto coinvolto in una sparatoria con le forze dell'ordine alcuni giorni fa. I lavoratori immigrati della Piana di Gioia Tauro si ribellano anche per le paghe inumane e per lo squallore delle condizioni di vita: "Tre euro per quattro ore di lavoro. Ma la Polizia questo non lo sa" dice Ibrahim, uno dei manifestanti.

Lunedì, Giugno 4, 2018 - 18:00

Migrante ucciso, sciopero in Calabria

Una giornata di sciopero in Calabria per la morte del giovane maliano, colpito a fucilate sabato sera nel Vibonese. Il 30enne era in prima fila nelle lotte per i diritti dei braccianti. Altissima l'adesione allo sciopero: nessuno si è presentato agli svincoli dove i caporali aspettano ogni giorno i braccianti. Momenti di tensione a San Ferdinando quando un gruppo di migranti, provenienti dalla tendopoli nella quale abitava il giovane, è arrivato davanti al Municipio chiedendo di incontrare un rappresentante della Prefettura di Reggio Calabria.

Venerdì, Maggio 18, 2018 - 20:00

Belgio, bimba migrante uccisa durante inseguimento della polizia

È stato uccisa da un proiettile la bambina di 2 anni di origine curda morta ieri in Belgio dopo che la polizia aveva inseguito il furgone su cui viaggiava con altri migranti e aveva aperto il fuoco contro il veicolo. A stabilirlo l'autopsia. Lo ha fatto sapere il procuratore di Mons, Frederic Bariseau, dicendosi "prudente" sull'ipotesi che quello sparo sia stato esploso dalla polizia. Il procuratore aveva anche precisato che a bordo del van viaggiavano 30 persone, di cui 26 adulte, tutte di origine curda

Mercoledì, Maggio 16, 2018 - 15:00

Migrante morta al confine, la sorella: "Non mi fanno vedere il corpo"

Da Bari a Torino per vedere il cadavere della sorella Blessing Mathew, la giovane nigeriana morta la scorsa settimana cadendo nella Durance, il fiume che da Montgenevre scorre verso il sud della Francia, mentre cercava di scappare dai gendarmi che pattugliano il confine per impedire ai migranti di valicarlo. La donna ha chiesto di poter vedere il corpo della sorella per tentare il riconoscimento ma la polizia francese gliel'ha negato. "Sono andata al confine francese perché volevo vedere il cadavere di mia sorella ma la polizia francese me l'ha impedito dicendo che non avevo i documenti validi per entrare nel Paese", ha dichiarato la donna.

Venerdì, Agosto 18, 2017 - 10:30

La triste ironia di Mary, riportata in Nigeria dalla Libia: "È la terra della libertà"

Le autorità libiche stanno rimpatriando 135 migranti nigeriani fermati mentre stavano cercando tramite la Libia di raggiungere l'Europa. Una di loro ha parlato alla Reuters tristemente ironica. "Che bello tornare in Nigeria, è la terra della libertà. Nessuno ti arresta e ti fanno fare quello che vuoi", dice una donna che dice di chiamarsi Mary.

Giovedì, Gennaio 12, 2017 - 17:00

Firenze, proteste dopo morte di un migrante in rogo capannone

Un gruppo di migranti ha protestato oggi a Firenze dopo l'incendio del capannone industriale che ha provocato la morte di un uomo di 35 anni. I manifestanti hanno prima sostato davanti alla prefettura urlando slogan come "morto per colpa dello Stato", poi si sono spostati a Palazzo Strozzi e hanno tentato di fare irruzione alla mostra del pittore cinese Ai Weiwei. Un testimone ha raccontato come è morto il suo amico.

Sabato, Novembre 12, 2016 - 12:45

Migranti: minore violentata da connazionali, due arresti a Ragusa

Due nigeriani, sbarcati sulle coste siciliane nei mesi scorsi,arrestati dalla polzia di Ragusa con l'accusa di aver violentato una minore, loro connazionale, non accompagnata e affidata a un centro di accoglienza. Le violenze sono avvenute a Vittoria sabato scorso. La ragazza aveva incontrato i suoi aguzzini durante una passeggiata con le amiche. Nonostante le minacce di morte ricevute la vittima ha avuto il coraggio di denunciare i due connazionali, ospiti in centri per richiedenti asilo, alla polizia. I due, portati in carcere a Ragusa, avevano anche intenzione di avviarla alla prostituzione: lei stessa ha dichiarato di avere ricevuto la proposta di trasferirsi in Francia, "a fare soldi" vendendo il suo corpo.

Mercoledì 20 Luglio 2016 - 10:15

Fermo, bombe carta contro quattro chiese: due arresti

Gli episodi si sono verificati tra febbraio e maggio di quest'anno

Pagine