caserma

Pagina 1 di 2
Giovedì, Dicembre 7, 2017 - 13:15

Esplosione davanti a caserma dei Carabinieri: era un ordigno rudimentale

Un ordigno rudimentale è stato fatto esplodere davanti al portone d'ingresso della Stazione dei carabinieri di Roma San Giovanni. È successo intorno alle 5.30, in via Britannia 37. Non ci sono stati feriti. Le indagini sono affidate ai carabinieri del Nucleo Informativo e del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Roma e ai carabinieri del ROS. Atto di terrorismo con ordigno esplosivo il reato contestato dal procuratore aggiunto Francesco Caporale. L'indagine è al momento a carico di ignoti.

Lunedì, Dicembre 4, 2017 - 13:15

Bandiera del II Reich in caserma: carabiniere si difende

Si difende il giovane carabiniere che ha ammesso di aver appeso la bandiera del Reich nella sua camera della caserma Baldissera di Firenze. "Sono un appassionato di quel periodo storico, non sapevo che fosse un simbolo dei neonazisti", ha spiegato ai superiori il ragazzo originario di Rieti in ferma volontaria e iscritto alla facoltà di Storia dell'università La Sapienza di Roma. "Bisogna fare chiarezza", ha commentato il sindaco di Firenze Dario Nardella, mentre per il leader della Lega Salvini "la bandiera va rimossa, ma non è questo il problema dell'Italia"

Sabato 07 Ottobre 2017 - 11:30

Massa Carrara, indagati 37 carabinieri per presunti abusi in caserme

Sono accusati, a vario titolo, di lesioni, falso e favoreggiamento

Venerdì, Gennaio 20, 2017 - 17:30

Ilaria Cucchi: Mi hanno assicurato che episodi così non avverranno più

“Sono venuta qui per parlare con il colonnello Spina, portando le foto di mio fratello e partendo dal fatto che Stefano è stato picchiato e Stefano è morto. Lui mi ha comunicato il suo dispiacere per quanto acceduto e mi ha assicurato che adesso ancora di più vigileranno affinché simili accadimenti non avvengano mai più e siano puniti”. Sono le parole di Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, che oggi si è recata presso la caserma Salvo D'Acquisto.

Domenica, Novembre 27, 2016 - 12:30

Bologna, attentato alla caserma dei carabinieri: le immagini dei danni

Attentato esplosivo nella notte tra sabato e domenica davanti a una stazione dei carabinieri alla periferia di Bologna. L'ordigno rudimentale, posizionato all'ingresso della stazione Corticella, di via San Savino, non ha provocato feriti, solo danni per fortuna. In corso le indagini, ma le modalità farebbero pensare alla matrice anarchica. In città è atteso nel pomeriggio Matteo Renzi. "Un atto vigliacco che renderà lo Stato più forte", ha commentato il ministo dell'Ambiente Gianluca Galletti che in mattinata ha visitato la stazione dei carabinieri colpita.

Domenica, Novembre 27, 2016 - 11:45

Bologna: esplosione davanti a caserma carabinieri, nessun ferito

Attentato esplosivo nella notte davanti a una stazione dei carabinieri alla periferia di Bologna. L'ordigno rudimentale, posizionato all'ingresso della stazione Corticella, di via San Savino, non ha provocato feriti, solo danni a porte e finestre. In corso le indagini, ma le modalità farebbero pensare alla matrice anarchica. In città è atteso nel pomeriggio Matteo Renzi, per un comizio in vista del Referendum. "Un atto vigliacco che renderà lo Stato più forte", ha commentato il ministo dell'Ambiente Gianluca Galletti che in mattinata ha visitato la stazione dei carabinieri colpita.

Lunedì, Ottobre 31, 2016 - 19:30

Milano, i primi profughi arrivati alla caserma Montello

Lunedì mattina sono stati portati alla caserma Montello di Milano alcuni migranti dei 300 previsti dal piano di accoglienza. L'arrivo dei primi profughi era atteso martedì mattina, ma la Prefettura ha deciso di anticipare per evitare disordini pubblici e contestazioni.

Mercoledì, Aprile 20, 2016 - 18:00

Napoli, spari contro caserma carabinieri di Secondigliano

Almeno una ventina di colpi di pistola sono stati esplosi questa notte contro la caserma dei carabinieri di Secondigliano, periferia nord di Napoli. Le indagini sono in corso e i militari stanno visionando le immagini delle telecamere di sorveglianza, anche se è probabile che ad agire sia stato un gruppo di quattro persone a bordo di due moto. "Non ci facciamo intimidire", ha commentato il comandate provinciale dei carabinieri, Antonio De Vita, spiegando che le operazioni di contrasto alla criminalità continueranno in modo sempre più incisivo. "Con molta probabilità - ha aggiunto - a sparare sono stati ragazzi molto giovani ai quali dico: deponete le armi, la vita non è un videogioco o uno slogan sui social"

Pagine