Casal di Principe

Pagina 1 di 1
Mercoledì, Marzo 29, 2017 - 11:15

18 arresti per rapina a Casal di Principe

"Associazione per delinquere", "rapina aggravata", "furto aggravato in abitazione", "furto aggravato", "ricettazione" ed "estorsione": ecco di cosa sono ritenute responsabili le 18 persone arrestate in provincia di Napoli. L'indagine dei Carabinieri ha consentito anche di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico degli indagati per 9 rapine ai danni di gioiellerie, distributori di benzina, supermercati, tabacchi e anche un centro medico, 10 furti di cui 2 in abitazione e 4 episodi di ricettazione ed estorsione.

Giovedì, Febbraio 16, 2017 - 12:00

Prostituzione minorile e sfruttamento nel casertano: 5 arresti

I carabinieri della compagnia di Casal di Principe, in provincia di Caserta, hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal tribunale di Napoli, su richiesta della locale D.D.A., nei confronti di 5 indagati ritenuti responsabili, a vario titolo, di prostituzione minorile e sfruttamento della prostituzione. L'indagine ha consentito, tra l'altro, di individuare e disarticolare un gruppo di cittadini albanesi che reclutavano e obbligavano alla prostituzione giovani donne, tra cui anche minori. “Questi indagati facevano leva sui sentimenti che queste ragazze provavano per uno degli indagati: erano disposte a far di tutto per uno degli odierni arrestati”, ha riferito il comandante della stazione, capitano Simone Calabrò. “Gli indagati non esitavano a fare violenze su coloro che facevano prostituire”.

Martedì, Febbraio 7, 2017 - 12:00

Arrestati 46 membri del clan dei Casalesi: mercato droga e slot machine

“Il clan era dedito all’estorsione ai danni degli esercenti per quanto riguarda il settore delle slot machine: c’era l’imposizione di una piattaforma on line ai bar e agli esercenti commerciali. Il 60% dei proventi venira ritirato degli uomini di fiducia del capo clan. C’era poi la piazza di spaccio”. Lo hanno spiegato ai giornalisti i carabinieri di Casal di Principe, che hanno eseguito 46 arresti nei confronti di indagati ritenuti membri del clan dei Casalesi e sospettati di associazione di tipo mafioso, concorso esterno in associazione di tipo mafioso, ricettazione, estorsione, illecita concorrenza con minaccia o violenza, intestazione fittizia di beni, associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti e spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione illegale di armi. Le indagini hanno riguardato il periodo da andava “da agosto 2014 a maggio 2015”.

Lunedì, Gennaio 30, 2017 - 14:00

Centro riabilitativo in ex villa camorrista. De Luca: Giornata simbolo

"“E’' una giornata simbolica per la necessità di tenere viva una battaglia contro i poteri criminali, ma è simbolica anche perché questa è la dimostrazione che i poteri criminali possono essere sconfitti. Passiamo da un simbolo di violenza e sopraffazione e un simbolo di solidarietà. E'’ un servizio ai cittadini e siamo orgogliosi come regione Campania"”. Queste le parole del governatore della regione Campania Vincenzo De Luca a margine dell'’inaugurazione a Casal di Principe del nuovo Centro riabilitativo per la salute mentale, realizzato nella villa appartenuta a Walter Schiavone, noto camorrista. “"Negli anni passati l’immagine della Campania era legata a due criticità: la camorra e i rifiuti. Ora ci stiamo liberando da questi marchi negativi”", ha aggiunto ancora De Luca.

Giovedì 06 Ottobre 2016 - 09:45

Camorra, confiscati beni da 13 mln a ex tecnico Casal di Principe

L'indagine ha svelato i collegamenti fra la classe politica e i Casalesi

Venerdì 10 Giugno 2016 - 13:45

Terra dei Fuochi, scoperta nuova enorme discarica di rifiuti

A Casal di Principe 150mila metri cubi di scarti di lavorazione edile, plastiche e maleodoranti fanghi industriali

Martedì, Marzo 15, 2016 - 12:30

Camorra, beni per 6 milioni confiscati ad ex consigliere comunale

Beni per sei milioni di euro sono stati confiscati a un ex consigliere comunale di Casal di Principe (Napoli). Il centro operativo Dia di Napoli ha infatti dato esecuzione al provvedimento di confisca dei beni e di applicazione della misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di residenza, per due anni e sei mesi, nei confronti di Luigi Corvino, ex consigliere comunale di Casal di Principe, candidato per le elezioni comunali del 2007 nelle file di Forza Italia ed eletto con 531 preferenze. Corvino, in passato, è stato arrestato nell'ambito di un'inchiesta che ha visto coinvolti altri 56 indagati, ritenuti responsabili di molti reati tra cui associazione per delinquere di tipo camorristico, estorsione, turbativa delle operazioni di voto, truffa ai danni dello stato, riciclaggio e reimpiego di capitali di illecita provenienza, reati tutti aggravati dalla finalità di aver agevolato il clan dei Casalesi.

Lunedì, Febbraio 29, 2016 - 12:00

Caserta, spari dopo lite in discoteca: tre arresti

Avevano impugnato la pistola dopo una lite per futili motivi in una discoteca di Villa Literno, in provincia di Caserta, e iniziato a sparare, scatenando il panico tra i presenti: oggi i carabinieri di Casal di Principe hanno notificato un'ordinanza di arresto in carcere e ai domiciliari a tre giovani ritenuti legati al clan Sibillo-Giuliano di Napoli, protagonista della faida della 'paranza dei bimbi' che ha insanguinato le strade del centro storico partenopeo. L'episodio risale all'11 ottobre del 2015: tutta la scena venne ripresa dal sistema di videosorveglianza della discoteca le cui immagini sono state fondamentali per risalire all'identità dei tre che sono accusati, a vario titolo, di detenzione e porto abusivo di arma da fuoco, danneggiamento aggravato, minaccia aggravata e esplosione di colpi d'arma da fuoco in luogo pubblico.