Lunedì 26 Settembre 2016 - 13:30

Svizzera, Ue: Freno a frontalieri complica negoziati su circolazione

L'insoddisfazione della Commissione all'indomani del referendum in Canton Ticino

Svizzera, Ue: Freno frontalieri complica negoziati su libera circolazione

Il referendum in Ticino che sfavorisce i lavoratori frontalieri "non renderà più semplici i già difficili colloqui" in corso tra la Svizzera e l'Unione europea sulla libera circolazione delle persone. Lo ha dichiarato il portavoce della Commissione europea, Margaritis Schinas, facendo riferimento al voto con cui i cittadini del Canton Ticino hanno approvato l'iniziativa popolare 'Prima i nostri', che prevede maggiori restrizioni per i lavoratori stranieri. "Ue e Svizzera - ha detto Schinas - sono impegnati in intensi colloqui da mesi, per trovare una soluzione su come applicare il voto popolare sul libero movimento, in un modo che rispetti l'accordo sulla libera circolazione". Inoltre, il portavoce ha precisato che il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, e le autorità federali svizzere "hanno concordato di continuare a cercare una soluzione accettabile per entrambe le parti e di incontrarsi di nuovo a fine ottobre. Sarà il prossimo passo e una nuova occasione per parlare del voto e delle sue potenziali conseguenze". "Il presidente Juncker - ha poi ancora sottolineato il portavoce - ha sempre chiarito che le quattro libertà fondamentali del mercato unico sono inseparabili e nel contesto svizzero ciò significa che la libera circolazione delle persone è fondamentale".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

White House spokesman Sean Spicer holds an off-camera briefing (no TV) at the White House in Washington

Trump nomina il nuovo capo della comunicazione. Il portavoce se ne va

Sean Spicer, fedelissimo del presidente si dimette in disaccordo con lla scelta del finanziere Anthony Scaramucci

L'annuncio di Topolino a due fratelli: Siete stati adottati

È stato Mickey Mouse a dare la notizia a Janielle ed Elijah e loro non sono riusciti a trattenere l'emozione

A man stands in front of a damaged building following an earthquake off the island of Kos

Paura, ma nessuno chiede di andarsene. La notte dei turisti italiani a Kos

Il racconto dei nostri connazionali via Twitter e Facebook. I tour operator garantiscono chi deve ancora partire

Tensioni a Gerusalemme e Qalandiya: scontri tra fedeli e agenti

Scontri a Gerusalemme: tre morti e 200 feriti

Migliaia di persone in protesta contro le nuove limitazioni imposte da Israele all'accesso nella zona sacra