Lunedì 26 Settembre 2016 - 13:30

Svizzera, Ue: Freno a frontalieri complica negoziati su circolazione

L'insoddisfazione della Commissione all'indomani del referendum in Canton Ticino

Svizzera, Ue: Freno frontalieri complica negoziati su libera circolazione

Il referendum in Ticino che sfavorisce i lavoratori frontalieri "non renderà più semplici i già difficili colloqui" in corso tra la Svizzera e l'Unione europea sulla libera circolazione delle persone. Lo ha dichiarato il portavoce della Commissione europea, Margaritis Schinas, facendo riferimento al voto con cui i cittadini del Canton Ticino hanno approvato l'iniziativa popolare 'Prima i nostri', che prevede maggiori restrizioni per i lavoratori stranieri. "Ue e Svizzera - ha detto Schinas - sono impegnati in intensi colloqui da mesi, per trovare una soluzione su come applicare il voto popolare sul libero movimento, in un modo che rispetti l'accordo sulla libera circolazione". Inoltre, il portavoce ha precisato che il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, e le autorità federali svizzere "hanno concordato di continuare a cercare una soluzione accettabile per entrambe le parti e di incontrarsi di nuovo a fine ottobre. Sarà il prossimo passo e una nuova occasione per parlare del voto e delle sue potenziali conseguenze". "Il presidente Juncker - ha poi ancora sottolineato il portavoce - ha sempre chiarito che le quattro libertà fondamentali del mercato unico sono inseparabili e nel contesto svizzero ciò significa che la libera circolazione delle persone è fondamentale".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

AFGHANISTAN-UNREST-BLAST

Afghanistan, kamikaze contro scuola in zona sciita: almeno 37 morti

Sono per la maggior parte studenti. Nessun gruppo ha rivendicato la violenza

EGYPT-UNREST-CHURCH-ATTACK

Sudan, naufragio sul Nilo: muoiono 22 bambini e una donna

La barca è affondata a causa di un guasto al motore

La nave Aquarius torna in mare a Marsiglia

Aquarius attracca a Malta: migranti accolti anche dall'Italia

Dopo tre giorni di attesa in mare, la nave dell'Ong arriva al porto di La Valletta: dei 141 a bordo 67 sono minori non accompagnati

Israele, Benjamin Netanyahu in conferenza stampa

Distensione in Medioriente: Israele riapre passaggio merci verso Gaza

Segnale di temporaneo disgelo tra le parti in conflitto. Ma la tregua vera è ancora lontana