Martedì 04 Ottobre 2016 - 12:00

Susanna Tamaro si svela: Io sono una tigre anarchica

Presenta 'La tigre e l'acrobata'. E su Elena Ferrante: “Penso di conoscerla da tanti anni”

Susanna Tamaro: Io sono una tigre anarchica

Una favola senza età e senza conformismi che doveva restare in un cassetto fino alla morte dell'autrice, Susanna Tamaro. “La Tigre e l’Acrobata chiude un ciclo di oltre 20 libri e non volevo pubblicarlo ora”, confessa la scrittrice triestina parlando del racconto per adulti e bambini (edito da La nave di Teseo) pensato come testamento spirituale, un regalo postumo per i suoi milioni di lettori. “Mi hanno però fatto notare che potrei vivere fino a 100 anni e che era meglio farlo uscire ora; non so fino a quando vivrò e forse scriverò ancora, ma per adesso mi fermo”, spiega Tamaro che, prendendo spunto dalla protagonista del romanzo, si definisce una “tigre anarchica”. “Mi sono sempre sentita così, una tigre che da bambina soffriva con i fiocchetti rosa in testa e che ha ruggito a lungo prima di rivelarsi. Ho realizzato la mia parte tigresca facendo arti marziali, se non l'avessi fatto sarei implosa nell'infelicità”, ricorda l’autrice di “Va’ dove ti porta il cuore”. “Oggi viviamo in un mondo omologato ed è molto difficile fare la tigre e dire di no; si viene spinti da una corrente di banalità cinica che ti costringe ad assumere un’identità preconfezionata da altri".

Tracciare la propria strada in maniera autonoma è una lezione importante soprattutto per i ragazzi, in bilico tra vita reale e virtuale. "Spesso oggi anche le madri e i padri sono omologati o inesistenti. Una volta era più facile, c'era chi ti imponeva delle cose e tu ti potevi ribellare. Adesso i ragazzi sono in una situazione di schiavismo mentale, se non hanno alle spalle genitori o insegnanti che li guidano, sono vittime predestinate di un sistema che li macina".

Ma la libertà, sottolinea ancora Susanna Tamaro, non è mai gratuita. "La vita libera è sempre lontanissima dal potere. Lo so perché sono sempre stata una persona estremamente libera, fin dall'asilo, e ho pagato un prezzo altissimo. Prima di essere famosa ho scontato la difficoltà di trovare un lavoro, di inserirmi, per non voler sottostare ai meccanismi clientelari che in Italia conosciamo bene. Dopo non mi sono piegata alle leggi del successo, non ho ad esempio fatto carriera politica ma ho continuato con la mia vita di prima, con gli stessi amici e i vestiti comprati nei grandi magazzini".

Sul grande mistero della narrativa italiana, ovvero chi si nasconda dietro allo pseudonimo di Elena Ferrante, Susanna Tamaro non sembra poi avere dubbi: “È una grande scrittrice che stimo molto, penso di conoscerla da tanti anni, ci siamo frequentate a lungo con grande amicizia”, racconta confermando gli indizi che portano ad Anita Raja, moglie di Domenico Starnone. “È normale che i media si accaniscano con chi ha grande successo, di me hanno detto di tutto, delle cose oscene. Mi hanno distrutto e nessuno mi ha difeso. Nel caso di Elena Ferrante quello che rimane è la qualità dei suoi libri che sono bellissimi”.

Scritto da 
  • Raffaella Caprinali
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Scelti gli artisti under 40 in gara per il Premio Cairo 2017

Scelti gli artisti under 40 in gara per il Premio Cairo 2017

Al vincitore verrà assegnato un premio di 25mila euro e sarà dedicata la copertina del mensile Arte

Banana Yoshimoto: Io, la splendida nebbia di Milano e i diritti gay

Banana Yoshimoto: Io, la splendida nebbia di Milano e i diritti gay

Intervista alla scrittrice ospite della Milanesiana a pochi giorni dall'uscita del romanzo 'Another World'

Marvel creerà il primo super-eroe cinese nella storia dei suoi fumetti

Marvel creerà il primo super-eroe cinese nella storia dei suoi fumetti

La casa editrice di Spiderman lavorerà con la società asiatica NetEase

Le Mura venete di Bergamo

Peschiera, Bergamo e Palmanova diventano patrimonio Unesco

Entrano tra i tesori mondiali le mura di Bergamo, la città in provincia di Udine e il gioiello veneto. Franceschini esulta: "Importante risultato"