Lunedì 30 Maggio 2016 - 14:45

Suicida l'ex ad di Zurich Senn: secondo caso in meno di 3 anni

La società si è detta "stordita e profondamente scossa" dalla morte improvvisa dell'ex ceo

Suicida l'ex ad di Zurich Senn: secondo caso in meno di 3 anni

L'ex amministratore delegato di Zurich Insurance, Martin Senn, si è suicidato. Lo ha riferito la società. Si tratta del secondo caso legato all'azienda dopo che l'allora capo della finanza, Pierre Wauthier, si era tolto la vita nell'agosto del 2013. "La famiglia di Martin Senn ci ha informato che Martin si è suicidato venerdì scorso", ha comunicato il più grande assicuratore svizzero. La società si è detta "stordita e profondamente scossa" dalla morte improvvisa dell'ex ceo.

"Con Martin, perdiamo non solo un ex amministratore delegato encomiabile e apprezzato ex collega, ma anche un amico di buon cuore. I nostri pensieri sono con la sua famiglia, a cui esprimiamo le nostre più sentite condoglianze", si legge nella nota. Senn, classe 1957, si è sparato nella casa alpina di famiglia a Klosters, ha riferito la polizia senza fornire ulteriori dettagli. Senn ha lasciato lo scorso 1 dicembre a seguito di un'Opa fallita per la britannica Rsa. Per il suicidio di Wauthier la famiglia del direttore finanziario aveva puntato il dito contro le eccessive pressioni a cui era sottoposto il manager.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Donald Trump riceve il presidente sudcoreano Moon Jae-in alla Casa Bianca

Nord Corea, Trump: "Possibile un rinvio del vertice con Kim"

L'incontro tra il presidente Usa e il leader nordcoreano è fissato per il 12 giugno a Singapore

Usa, il senato conferma Gina Haspel come direttore della CIA

Dazi, dopo la pace con gli Usa la Cina taglia tariffe su import auto

E intanto si avvicina la data in cui anche l'Unione Europea saprà la decisione di Trump

Siria, sette anni di guerra civile

Iraq, jihadista belga condannato a morte per appartenenza all'Isis

Nella prima udienza presso il tribunale di Baghdad si era dichiarato innocente

Australia, arcivescovo Wilson colpevole: coprì abusi sessuali negli anni '70

Si tratta del più alto prelato al mondo ad essere stato perseguito con successo per questo reato