Mercoledì 05 Ottobre 2016 - 08:15

Su Giallo le foto che inchiodano gli assassini di Luca Varani

Il giovane sarebbe stato torturato da Manuel Foffo e da Marco Prato

Roma, funerali di Luca Varani: folla per l'addio al 23enne

In esclusiva su settimanale 'Giallo' del 12 ottobre le macabre fotografie che potrebbero inchiodare gli assassini di Luca Varani, 23 anni, ucciso a Roma dopo essere stato immobilizzato con un potente sedativo. Il piumone sporco di sangue, la bevanda con la droga, gli indumenti sporchi e le tracce di rossetto lasciate sui mozziconi delle sigarette: sono le immagini della scena del crimine pubblicate da Giallo.
Secondo l'autopsia il giovane sarebbe stato torturato per almeno due ore da Manuel Foffo, 30 anni, e dall'amico coetaneo Marco Prato lo scorso 4 marzo a casa di Foffo, un anonimo appartamento al decimo piano di un palazzo della Capitale.

"Lo abbiamo tagliato come si affetta il pane, ma Luca non voleva morire: dopo un minuto di silenzio ricominciava a respirare", ha raccontato Foffo ai carabinieri. I due trentenni, secondo la psicanalista Vera Slepoj, "sono uniti nel crimine più efferato di questo ultimo secolo". Dopo la notte del terrore Marco Prato avrebbe simulato il suicidio, scrivendo biglietti d'addio alle sue persone care, anche questi pubblicati sul prossimo numero di Giallo in edicola.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Sparatoria con due morti in Via Battisti alla centrale della polizia locale

Arrestato latitante Johnny Lo Zingaro: tradito dall'amore

Era evaso il 30 giugno, ma l'amore per una donna ha rivelato le sue tracce agli investigatori

Non c'è correlazione tra vaccini e autismo: la Cassazione dice no al risarcimento

Non c'è correlazione tra vaccini e autismo: la Cassazione dice no al risarcimento

Confermata la sentenza del Tribunale di Salerno che negava l'indennizzo a un tutore di un minore affetto da encefalopatia

Sanremo 2017, la prima serata

Evasione fiscale da 700mila euro: 1 anno e 6 mesi a Raul Bova

Il giudice ha concesso la non menzione e la sospensione della pena