Martedì 31 Maggio 2016 - 09:15

Stupro di gruppo a Rio de Janeiro, arrestati due sospettati

In tutto, sono sei i mandati d'arresto emessi in relazione al caso

Stupro di gruppo a Rio de Janeiro, arrestati due sospettati

Due degli oltre 30 sospetti responsabili di uno stupro di gruppo ai danni di una 16enne nel morro do Barao, a Rio de Janeiro, sono stati arrestati. Lo ha riferito O Globo, citando fonti ufficiali. In tutto, sono sei i mandati d'arresto emessi in relazione al caso. Raí de Souza, 22 anni, si è consegnato alla polizia; sarebbe stato lui a diffondere online le immagini della violenza. Lucas Perdomo, giocatore di calcio 20enne del Boavista e fidanzato della vittima, è stato catturato in un ristorante del centro. I legali di entrambi gli uomini hanno negato ogni responsabilità nello stupro.

De Souza aveva in precedenza ammesso di aver realizzato il video ma ora ha detto che a girarlo con il suo telefono è stato un narcotrafficante chiamato Jefferson, di aver avuto relazioni sessuali consensuali con la giovane, ma ha affermato che non sia avvenuto alcuno stupro. La responsabile dei Crimini contro l'infanzia e l'adolescenza della polizia di Rio, Cristiana Bento, ha intanto confermato che sussistono elementi che confermano lo stupro di gruppo.

 Ha anche sottolineato che la ragazzina oltre a essere stata vittima di una violenza sessuale lo è stata anche con la divulgazione del video. Secondo i dati della ong Forum Brasileiro de Segurança Publica, in Brasile avviene uno stupro ogni 11 minuti e nel 2014 le vittime di aggressioni sessuali sono state 47.636.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ryanair strike

Ryanair, ancora grane: i piloti scioperano e la società minaccia sanzioni

L'offensiva dei piloti della compagnia arriva in scia all'annuncio di 20 mila cancellazioni di voli da parte di Ryanair

Iran, due violenti terremoti colpiscono il Paese

La terra ha tremato a nordest di Kerman e nell'area occidentale già colpita da un sisma lo scorso novembre. Non ci sono ancora notizie di danni o vittime