Sabato 02 Dicembre 2017 - 21:15

Striscia la notizia, mattoni e colpi di pistola: Brumotti aggredito per la terza volta

Era a Roma per girare un servizio sullo spaccio di droga

Vittorio Brumotti ritratti

"Due colpi di pistola, il lancio di un mattone che ha ferito un cameraman e minacce di morte contro Vittorio Brumotti e la sua troupe", inzia così la nota con cui Striscia la Notizia racconta l'aggressione ai danni del campione di bike trial da anni iniviato del tg satirico. 

"L’aggressione - continua la nota sul sito della trasmissione di Canale 5 -  è avvenuta oggi pomeriggio a Roma durante un’inchiesta sulla droga. L’inviato di Striscia la notizia si trovava nel quartiere San Basilio (via Carlo Tranfo, angolo con via Luigi Gigliotti) per documentare lo spaccio di sostanze stupefacenti che avviene alla luce del sole, gestito da alcune famiglie italiane, a quanto sembra, legate alla camorra. Adescato con la proposta di vendergli cocaina e altre droghe, Brumotti ha iniziato la sua campagna contro lo spaccio usando il megafono."

"Immediatamente - termina il racconto da un blocco di case popolari si sono levate urla di insulti e minacce. Verso le 16.15, sceso dal suo furgone, Brumotti ha sentito due colpi di arma da fuoco. Si gira e vede una persona in passamontagna che corre verso di lui e la sua troupe lanciando un mattone che ferisce a una gamba uno dei cameraman. L'inviato di Striscia e la troupe, saltano sul furgone e si allontanano di corsa dal quartiere."

Non è la prima volta per Brumotti: nelle ultime settimane, l'inviato era già stato aggredito due volte a Bologna, sempre durante la realizzazione di servizi sullo spaccio di droga.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Estate, al 24% degli italiani capita di perdere i figli durante le vacanze

Luoghi affollati come spiagge, piscine, parchi a tema e centri commerciali diventano luoghi pericolosi

Cyber attack warning

Cyberspionaggio, condannati a 4 e 5 anni i fratelli Occhionero

Sono accusati di aver infettato migliaia di pc entrando in possesso di password appartenenti a personaggi di ministeri e istituzioni

TOPSHOT-LIBYA-EU-MIGRANTS-RESCUE

Migranti, Open Arms denuncia: "Libia lascia morire donna e bambino in mare". E attacca l'Italia

Salvini replica: "Da ong bugie e insulti, porti italiani chiusi". Quattro persone disperse dopo tuffo dal barcone, fermati gli scafisti