Mercoledì 27 Luglio 2016 - 09:30

Strage di disabili in Giappone, i "piani" in casa del killer

L'uomo scriveva che avrebbe potuto "annientare 470" persone

Strage di disabili in Giappone, i "piani" in casa del killer

La polizia giapponese ha perquisito la casa del 26enne che lunedì sera ha accoltellato a morte 19 persone in un centro disabili a Sagamihara, 45 chilometri a sudovest di Tokyo. L'uomo, Satoshi Uematsu, era un ex dipendente della struttura e, consegnatosi poco dopo gli omicidi alla polizia, è stato trasferito dal carcere regionale di Sagamihara all'ufficio della procura del distretto di Yokohama, nella prefettura di Kanagawa.

L'agenzia di stampa giapponese Kyodo riporta che, in alcune lettere scritte a febbraio, l'uomo aveva scritto che avrebbe potuto "annientare 470 disabili", fornendo piani dettagliati di come avrebbe potuto farlo. Secondo quanto riferisce un funzionario di Sagamihara a Reuters, era stato affidato a un ospedale, ma era stato dimesso il 2 marzo dopo che un medico aveva valutato che ci fosse stato un miglioramento.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

L'astronauta Alan L. Bean , pilota del modulo lunare , fotografato durante l 'attività extraveicolare sulla luna - Le foto fu fatta dal comandante Charles Conrad jr.

Addio a Alan Bean, quarto uomo sulla Luna

E' morto in Texas all'età di 86 anni. Partecipò alla missione Apollo 12

Coree, incontro a sorpresa Kim-Moon. Summit con Trump ancora possibile

Si sono riuniti per la seconda volta (la prima era stata il mese scorso) a Panmunjom, villaggio che si trova nella zona demilitarizzata nota come Dmz

Libia, Fayez al-Sarraj parla con i giornalisti a Tripoli

Libia, le milizie: "Abbiamo preso i palazzi del potere a Tripoli"

Gli attivisti sui social riferiscono si tratti delle brigate Halbous, dei rivoluzionari e Ghaniwa. Ma il governo smentisce

Irlanda, domani il paese alle urne per il referendum sull'aborto

Storica svolta in Irlanda: sì al referendum sull'aborto

Il 66,4% degli elettori ha votato a favore dell'abrogazione del divieto costituzionale dell'interruzione volontaria di gravidanza. L'affluenza si è attestata al 64,1%