Lunedì 02 Gennaio 2017 - 17:15

Strage di Capodanno, il governo: Vicini a identificare l'attentatore

Alfano: No vittime italiane. L'azione, rivendicata dallo Stato Islamico, è costata la vita a 39 persone

Strage di Capodanno a Istanbul, il governo: Vicini a identificare l'attentatore

 Le autorità turche sono vicine all'identificazione dell'uomo responsabile dell'attentato alla discoteca Reina di Istanbul, costato la vita a 39 persone la notte di Capodanno, e hanno arrestato altre otto persone. Lo ha detto il vice primo ministro turco, Numan Kurtulmus, nel corso di una conferenza stampa. "Le informazioni sulle impronte digitali e sulle sembianze del terrorista sono state trovate. Ora sarà portato avanti il lavoro per identificarlo rapidamente", ha spiegato Kurtulmus, secondo il quale è chiaro che l'incursione militare da parte delle forze armate di Ankara in Siria, lanciata ad agosto scorso, abbia infastidito i gruppi terroristici. 

Il ministro degli Esteri Angelino Alfano: "Ho seguito con costante attenzione le notizie sui seguiti del terribile attacco della notte del primo gennaio, a Istanbul. Le autorità turche hanno comunicato di aver terminato le operazioni di identificazione di coloro che sono stati coinvolti nell'attentato e si può, quindi, escludere la presenza di italiani tra le vittime. In questi giorni, il nostro Consolato Generale a Istanbul e l'Unità di Crisi della Farnesina hanno lavorato, con grande impegno e senza risparmio di energie, per assistere adeguatamente i nostri connazionali che si trovavano sui luoghi dell'attentato e i familiari e gli amici che chiedevano notizie dei loro cari. La giusta assistenza e la vicinanza delle istituzioni ai cittadini che vivono momenti di difficoltà, alleviano disagio e preoccupazione".
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Usa, Trump all'Iran: "Non minacciateci mai più, fate attenzione"

Il presidente americano su Twitter contro Rouhani che aveva avvertito gli Usa assicurando che un conflitto con Teheran sarebbe "la madre di tutte le guerre"

Paura a Toronto, sparatoria in strada: due morti e 13 feriti

Un uomo armato, freddato poi dalla polizia, ha aperto il fuoco nel quartiere greco uccidendo una donna. Tra i coinvolti anche un bambino

Russiagate, Trump al contrattacco: "Fbi spiava la mia campagna"

Per il presidente il Bureau teneva sotto controllo un suo consulente per avvantaggiare Hillary Clinton

La Proactiva Open Arms in azione al largo della Libia

Migranti, appello del Papa: "Basta tragedie". Open Arms non denuncia Italia

Per l'ong la guardia costiera libica è colpevole di omissione di soccorso e omicidio colposo in relazione alla morte di due migranti. Tripoli nega: "Solo calunnie"