Venerdì 23 Dicembre 2016 - 19:00

Attentatore Berlino ucciso da polizia a Milano. Merkel: Grazie Italia

Fermato per un controllo ha aperto il fuoco contro gli agenti. L'Isis diffonde video di Amri: "Vendetta per musulmani"

Attentatore di Berlino ucciso dalla polizia a Milano. Merkel: Grazie all'Italia

L'attentatore della strage al mercatino di Natale di Berlino, il tunisino Anis Amri, è stato ucciso durante una sparatoria a Milano. L'uomo è morto nel corso di un controllo stradale della polizia in piazza I Maggio a Sesto S. Giovanni degenerato in un conflitto a fuoco. È successo verso le 3 di notte di venerdì, vicino alla stazione della città dell'hinterland milanese. Secondo le ricostruzioni della questura l'uomo, che camminava a piedi, alla richiesta di mostrare i documenti avrebbe estratto una pistola calibro 22 dallo zaino e avrebbe sparato a due agenti di una volante che lo avevano fermato per un controllo, colpendone uno alla spalla. Si tratta di Christian Movio che è stato ricoverato al San Gerardo di Monza e non è in pericolo di vita. A sparare ad Amri è stato Luca Scatà, 29 anni, agente in prova con nove mesi di servizio. "L'uomo era senza ombra di dubbio Anis Amri", ha spiegato il ministro dell'Interno Marco Minniti. Amri "senza esitare ha estratto una pistola e sparato nei confronti dell'agente che gli aveva chiesto i documenti, Christian Movio".

La polizia di Berlino ha ringraziato la polizia italiana con un tweet pubblicato in Italiano sul suo account, @polizeiberlin. "Grazie e pronta guarigione ai colleghi feriti", si legge sul profilo Twitter della polizia della capitale tedesca.

 

 

Anche l'Isis ha confermato che l'uomo ucciso a Sesto è l'attentatore. L'agenzia di stampa Amaq, legata allo Stato islamico, ha inoltre diffuso un video in cui Amri giura fedeltà all'Isis e dichiara il suo desiderio di vendicare i musulmani uccisi in attacchi aerei. A riferirlo è la direttrice del gruppo Site che monitora le attività dei jihadisti online, Rita Katz, precisando che il video risale a prima dell'attacco. Il filmato, spiega Rita Katz, è stato pubblicato pochi minuti dopo che l'agenzia Amaq ha riconosciuto che l'attentatore di Berlino è stato ucciso in una sparatoria con la polizia a Milano.

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Cei. Apertura del Consiglio episcopale permanente.

La Cei: "Credevamo sepolti i discorsi sulla razza, no alla 'cultura della paura'"

Il presidente Bassetti: "E' immorale lanciare promesse che si sa di non riuscire a mantenere e speculare sulle paure della gente"

Continua il viaggio di Papa Francesco in Perù

Pedofilia, Papa su Barros nessuna esitazione: "Ma chiedo scusa alle vittime"

"Ho usato parole sbagliate e ho ferito chi ha subito abusi", ha spiegato il Pontefice

Roma, chiesto processo per riciclaggio per Fini e i Tulliani

Sono accusati di essere coinvolti nel giro di affari del 're delle slot' Francesco Corallo

Infortunio mortale sul lavoro all'azienda Elettrotecnica LG

Cassino, si è suicidato il padre accusato di abusi dalla figlia minorenne

Il corpo senza vita trovato impiccato in una chiesa in località Castello a Roccasecca. La denuncia della ragazzina arrivata attraverso un tema in classe