Mercoledì 04 Maggio 2016 - 19:00

Stop a emissione banconota da 500 euro dalla fine del 2018

Lo ha deciso la Bce "tenendo conto delle preoccupazioni secondo cui questa potrebbe facilitare attività illecite"

Stop a emissione banconota da 500 euro dalla fine del 2018

La Bce ha deciso di interrompere la produzione della banconota da 500 euro, la cui emissione sarà fermata "intorno alla fine del 2018".

Stando a quanto riferisce una nota, la decisione è stata presa dal consiglio direttivo della Bce, che escluderà il biglietto dalla nuova serie 'Europa', "tenendo conto delle preoccupazioni secondo cui questa banconota potrebbe facilitare attività illecite". Lo stop all'emissione delle 500 euro coinciderà con l'entrata in circolazione dei nuovi tagli da 100 e 200 euro. Tutte le altre banconote, dalle 5 fino alle 200 euro, resteranno in circolazione.

"L'Eurosistema, che comprende la Bce e le banche centrali  nazionali dell'area dell'euro, adotterà le misure necessarie per assicurare che le restanti denominazioni siano disponibili in quantità sufficienti". Le banconote da 500 euro in circolazione manterranno il proprio valore e potranno essere cambiate presso le banche centrali dell'eurozona "per un periodo illimitato di tempo".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Antitrust, sessione del 13mo convegno a Treviso

Viaggi in treno, taxi e auto con un click. L'Antitrust monitorerà

Con le app integrate si potrà acquistare l'intero pacchetto di viaggio. E l'Agcm vigilerà su acquisizione e trattamento dei dati

Antitrust, al via al 13mo convegno a Treviso

L'Antitrust: "No a blocco di Fb e Google, ma lotta alle pratiche scorrette"

Il presidente Pitruzzella illustra gli obiettivi dell'Autorità e le nuove battaglie da combattere

Ikea expansion plans

Ikea ritira dal mercato la bicicletta Sladda: è pericolosa

Numerosi gli incidenti causati dalla rottura della cinghia di trasmissione

trattore

Allarme Eurispes: "Lavoro sommerso genera 300 miliardi l'anno, aumentano gli squilibri"

La fotografia di un Paese povero, fragile e dominato dalle disuguaglianze economiche