Mercoledì 15 Novembre 2017 - 17:00

Stasi minacciato su Facebook: sentito in aula come parte offesa

Accusata di diffamazione e minacce aggravate l'amministratrice del gruppo 'Delitto di Garlasco: chiediamo giustizia per Chiara Poggi'

Alberto Stasi, condannato a 16 anni in via definitiva per il delitto di Garlasco, ha testimoniato in Tribunale nell'ambito di un processo per diffamazione e minacce aggravate a carico di Maria Grazia Montani, amministratrice del gruppo Facebook 'Delitto di Garlasco: chiediamo giustizia per Chiara Poggi'. L'ex studente bocconiano, a quanto hanno riferito i suoi legali Fabio Giarda e Giada Boccellari, in aula ha raccontato anche di aver incontrato la signora in un parcheggio in viale Famagosta e di essersi accorto che gli venivano scattate alcune foto. Su Facebook nel gruppo sono comparse una serie di minacce contro Stasi.

"Era un testimone chiamato dall'accusa - hanno spiegato i legali - non poteva certo non presentarsi, anche perché è il nostro assistito che ha sporto querela". Si tornerà in aula il prossimo 14 febbraio.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Operazione 'Gramigna' dei Carabinieri.Scacco al clan Casamonica

'Ndrangheta, agguato nel Reggino: ucciso un uomo, ferito grave bambino

I killer hanno aperto il fuoco in un terreno di proprietà del 39enne, pregiudicato e ritenuto appartenente all'omonima cosca. Grave il bimbo di 10 anni che era con lui

Prima prova di maturità al liceo Manzoni in via orazio

Maturità, Miur: cresce percentuale promossi, oltre 6mila i 100 e lode

Le rivelazioni del ministero sui primi risultati relativi agli Esami di Stato della scuola secondaria di II grado. In Puglia gli studenti migliori

Vibo Valentia, 'giardini segreti' di marijuana: scoperte 26mila piante del clan

Colpo all'associazione criminale capeggiata da Emanuele Mancuso

TOPSHOT-LIBYA-EU-MIGRANTS-RESCUE

Migranti, Open Arms accusa Libia e Italia. Viminale: "Bugie, li denunciamo"

La nave sbarca in Spagna con a bordo i cadaveri della donna e del bimbo recuperati a largo delle coste della Libia e Josepha, unica sopravvissuta al naufragio