Venerdì 11 Novembre 2016 - 18:00

Standard&Poor's conferma rating Italia, ma taglia crescita Pil

"Se vince sì ne beneficia stabilità di governo, se vince no non ci sarebbero impatti sul merito di credito"

Standard&Poor's conferma giudizio Italia, ma ribassa stime Pil

L'agenzia di rating Standard&Pooor's conferma il suo rating sull'Italia a BBB-, con outlook stabile. L'agenzia ha confermato i suoi rating a lungo e breve termine a BBB- ed A-3, e l'outlook poiché si aspetta che "il Governo italiano continui ad attuare riforme strutturali e di bilancio che favoriscano la crescita e che stabilizzino e riducano il debito pubblico". Le valutazioni di S&P sull'Italia, spiega una nota,  sono supportate da un'economia ricca e diversificata, ed un export migliorato costantemente dal 2012. Premiate le riforme strutturali su istruzione, mercato del lavoro, banche, e quadro istituzionale. 

STIME PIL RIVISTE. Nel suo report sull'Italia, Standard&Poor's rivede al ribasso le sue previsioni sul Pil italiano: per il 2016 la previsione passa da +1,1% a +0,9% mentre per il 2017 la previsione passa da +1,3% a +0,8%.  Sulla revisione delle stime del Pil secondo S&P pesa "in particolare la fragilità della domanda interna, che ha eroso la competitività, e la sostenibilità delle finanze  pubbliche". Ad aiutare una ripresa dei consumi, che costituiscono quasi l'80% del Pil italiano) la bassa inflazione, la politica monetaria accomodante, e un più politica fiscale più rilassata. Tra le misure che potrebbero compensare un aumento dell'inflazione, S&P mette lo scongelamento dei contratti del settore pubblico, le misure di sostegno alle famiglie a basso reddito e pensionati, così come l'accesso più flessibile al sistema di sicurezza sociale.

REFERENDUM. In merito al referendum costituzionale, S&P nel suo report sull'Italia, sottolinea come in caso di vittoria del 'sì' "ne potrebbe beneficiare la stabilità e l'efficacia del governo" ma "se il referendum venisse bocciato, ciò non avrebbe impatti sul merito di credito, a meno che non porti ad un cambio di rotta sulle riforme strutturali", in particolare per il mercato del lavoro in Italia.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Troppo cara la carne in Svizzera. In Italia è nella media

Troppo cara la carne in Svizzera. In Italia è nella media

Per comprare la stessa quantità di pollo, un operaio indiano al minimo salariale deve lavorare 10 ore e mezza, contro i 20 minuti del suo omologo danese

European Central Bank (ECB) President Mario Draghi addresses a news conference at the ECB headquarters in Frankfurt

Draghi, prove per Jackson Hole: "Politiche cambiano col mondo"

Il presidente della Bce al Lindau Nobel Laureate Meeting prima dell'attessisimo simposio della Federal Reserve da domani al 26 agosto

Bayer, la Ue dà semaforo giallo all'acquisizione Monsanto

Bayer, la Ue dà semaforo giallo all'acquisizione Monsanto

L'operazione, da 57 mld di dollari, creerebbe la più grande azienda integrata al mondo di semi e pesticidi

Fca, Great Wall Motor conferma interesse per il brand Jeep

Great Wall Motor conferma interesse per Jeep. Fca: "Nessun approccio"

Il titolo è in netto rialzo a Piazza Affari dopo la notizia