Venerdì 11 Novembre 2016 - 18:00

Standard&Poor's conferma rating Italia, ma taglia crescita Pil

"Se vince sì ne beneficia stabilità di governo, se vince no non ci sarebbero impatti sul merito di credito"

Standard&Poor's conferma giudizio Italia, ma ribassa stime Pil

L'agenzia di rating Standard&Pooor's conferma il suo rating sull'Italia a BBB-, con outlook stabile. L'agenzia ha confermato i suoi rating a lungo e breve termine a BBB- ed A-3, e l'outlook poiché si aspetta che "il Governo italiano continui ad attuare riforme strutturali e di bilancio che favoriscano la crescita e che stabilizzino e riducano il debito pubblico". Le valutazioni di S&P sull'Italia, spiega una nota,  sono supportate da un'economia ricca e diversificata, ed un export migliorato costantemente dal 2012. Premiate le riforme strutturali su istruzione, mercato del lavoro, banche, e quadro istituzionale. 

STIME PIL RIVISTE. Nel suo report sull'Italia, Standard&Poor's rivede al ribasso le sue previsioni sul Pil italiano: per il 2016 la previsione passa da +1,1% a +0,9% mentre per il 2017 la previsione passa da +1,3% a +0,8%.  Sulla revisione delle stime del Pil secondo S&P pesa "in particolare la fragilità della domanda interna, che ha eroso la competitività, e la sostenibilità delle finanze  pubbliche". Ad aiutare una ripresa dei consumi, che costituiscono quasi l'80% del Pil italiano) la bassa inflazione, la politica monetaria accomodante, e un più politica fiscale più rilassata. Tra le misure che potrebbero compensare un aumento dell'inflazione, S&P mette lo scongelamento dei contratti del settore pubblico, le misure di sostegno alle famiglie a basso reddito e pensionati, così come l'accesso più flessibile al sistema di sicurezza sociale.

REFERENDUM. In merito al referendum costituzionale, S&P nel suo report sull'Italia, sottolinea come in caso di vittoria del 'sì' "ne potrebbe beneficiare la stabilità e l'efficacia del governo" ma "se il referendum venisse bocciato, ciò non avrebbe impatti sul merito di credito, a meno che non porti ad un cambio di rotta sulle riforme strutturali", in particolare per il mercato del lavoro in Italia.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bce estende quantitative easing fino a fine 2017, da aprile 60 miliardi al mese

Bce estende Qe fino a fine 2017, da aprile 60 miliardi al mese

Tassi restano invariati a zero. Draghi assicura: "Nessun favore all'Italia, non rappresentiamo singoli Paesi"

Forte Village, da gennaio Master in Five Stars Hotel Management

Forte Village, da gennaio Master in Five Stars Hotel Management

Il corso ha l'obiettivo di formare figure ad alta professionalità specializzate nel turismo

Istat, il 28,7% dei residenti in Italia è a rischio povertà

Istat, il 28,7% dei residenti in Italia è a rischio povertà

Cresce anche il divario tra le famiglie ricche e quelle povere