Sabato 06 Gennaio 2018 - 12:15

Stanchi di stare a letto? Ecco la dieta 'antigelo' contro l'influenza

Verdura, frutta e legumi aiutano a rafforzare le difese immunitarie. Via libera anche all'aumento delle calorie consumate

Salute, brusco aumento dei casi di influenza: in oltre 2 milioni a letto

Aumentare le calorie consumate, iniziando la mattina con latte, miele o marmellata e portando poi a tavola soprattutto zuppe, verdure, legumi e frutta, aiuta a rafforzare, con l'apporto di vitamine, le difese immunitarie dal rischio dell'insorgenza dell'influenza. E' la 'dieta antigelo' consigliata da Coldiretti con la diffusione del virus influenzale che ha portato negli ultimi giorni 7 milioni di italiani negli ambulatori dei medici di famiglia. Oltre a frutta e verdura ricca di antiossidanti, nella dieta per sconfiggere l'influenza non devono mancare latte, uova e alimenti ricchi di elementi probiotici quali yogurt e formaggi come il parmigiano e, per alcuni esperti, anche il miele e l'aglio, che contiene una sostanza, l'allicina, particolarmente attiva nella prevenzione.

Con la discesa del termometro arriva anche il 'permesso' ad aumentare le calorie consumate. Fondamentale è assumere verdure di stagione, soprattutto quelle ricche di vitamina A (spinaci, cicoria, zucca, ravanelli, zucchine, carote, broccoletti, ottimi anche cipolle e aglio possibilmente crudi per la valenza antibatterica non indifferente), perché danno il giusto quantitativo di sali minerali e vitamine antiossidanti che sono di grande aiuto per combattere le conseguenze dello stress del cambio di stagione sull'organismo.

Nella dieta non vanno trascurati piatti a base di legumi (fagioli, ceci, piselli, lenticchie, fave secche) perché contengono ferro e sono ricchi di fibre, che aiutano l'organismo a smaltire i sovraccarichi migliorando le funzionalità intestinali. Per la frutta, di grande importanza per il grande contenuto di vitamina C è il consumo di quella di stagione come i kiwi, le clementine e arance, meglio italiane per evitare che i trasporti ne riducano il contenuto vitaminico. In un soggetto normale, inoltre, l'assunzione di proteine deve essere compresa tra 0,8-1,3 grammi di proteine per chilo di peso corporeo, per cui è consigliato anche assumere carne o alimenti succedanei.
 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Lotta all'obesità infantile: il Regno Unito vieta il junk food alle casse

In Italia il problema è in calo, ma il dato resta tra i più alti in Europa

Folic acid and birth defects rates

Spina bifida, due feti operati al Policlinico di Milano

Eccezionali interventi (primi in Europa) di chirurgia intrauterina. Gli interventi (5 ore l'uno) alla 25esima settimana

Fuma Parei 2018 a Torino per la legalizzazione della cannabis

Salute, il Consiglio Superiore di Sanità dice 'no' alla vendita della cannabis light

Per il Css "non si può escludere la pericolosità del Thc anche a basse concentrazioni in alcuni soggetti"

LGBT in work study

La transessualità non è una malattia, patologica la dipendenza da gioco

L'Organizzazione mondiale della sanità ha aggiornato la lista dei disturbi mentali: esce l'incongruenza di genere ed entra la ludopatia