Venerdì 18 Novembre 2016 - 10:30

Staff Trump: Non previsto un registro per schedare musulmani

La squadra di transizione ha smentito la volontà di creare un database

Staff Trump: Non in programma un registro per schedare musulmani

La squadra per la transizione del presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, ha smentito sia stata pianificata la creazione di una base di dati dei musulmani che vivono nel Paese. "Il presidente eletto Donald Trump non ha mai appoggiato la creazione di una base di dati o alcun tipo di sistema per controllare le persone sulla base della loro religione, dire il contrario è completamente falso", ha affermato il portavoce Jason Miller in un comunicato. Nel novembre 2015, quando i giornalisti gli chiesero se le sue previste misure per 'controllare' i musulmani nel Paese comprendessero anche un registro, Trump aveva risposto: "Certamente, lo farei, assolutamente".

Miller, tuttavia, ha negato che il magnate abbia sostenuto la creazione di un registro dei musulmani, ma ha ricordato che l'ex presidente George W. Bush ne promosse uno per gli immigrati provenienti da Paesi con alta attività terroristica. Inoltre, il portavoce ha aggiunto che i piani di Trump in questo ambito si conosceranno una volta che avrà assunto l'incarico di presidente, il 20 gennaio prossimo.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Giappone, allarme a Gamagori: pesce velenoso venduto per errore

Il fugu è considerato una prelibatezza nel Paese, ma dev'essere cucinato da cuochi esperti. Anche un solo boccone può rivelarsi fatale

Figli segregati in casa in California: genitori accusati di tortura

Tredici giovani legati ai letti senza cibo né acqua. Interrogati sul motivo, David Allen e Louise Anna Turpin non hanno saputo dare spiegazioni alla polizia

Burma Rohingya crisis

Rohingya rimpatriati entro due anni in Birmania: la paura dei profughi

Raggiunto un accordo con il Bangladesh. Ma i rifugiati, in fuga dalle violenze, non vogliono tornare nello Stato di Rakhine

Dodici ragazzi segregati e legati in una casa in California

Arrestati i genitori. E' successo a Perris, a est di Los Angeles. Una si è liberata e ha chiamato la polizia. Una scena infernale