Venerdì 18 Novembre 2016 - 10:30

Staff Trump: Non previsto un registro per schedare musulmani

La squadra di transizione ha smentito la volontà di creare un database

Staff Trump: Non in programma un registro per schedare musulmani

La squadra per la transizione del presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, ha smentito sia stata pianificata la creazione di una base di dati dei musulmani che vivono nel Paese. "Il presidente eletto Donald Trump non ha mai appoggiato la creazione di una base di dati o alcun tipo di sistema per controllare le persone sulla base della loro religione, dire il contrario è completamente falso", ha affermato il portavoce Jason Miller in un comunicato. Nel novembre 2015, quando i giornalisti gli chiesero se le sue previste misure per 'controllare' i musulmani nel Paese comprendessero anche un registro, Trump aveva risposto: "Certamente, lo farei, assolutamente".

Miller, tuttavia, ha negato che il magnate abbia sostenuto la creazione di un registro dei musulmani, ma ha ricordato che l'ex presidente George W. Bush ne promosse uno per gli immigrati provenienti da Paesi con alta attività terroristica. Inoltre, il portavoce ha aggiunto che i piani di Trump in questo ambito si conosceranno una volta che avrà assunto l'incarico di presidente, il 20 gennaio prossimo.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Usa, barricato nel market di Hollywood uccide una donna: bloccato

Prima ha sparato alla nonna e alla fidanzata: durante la fuga si è rifugiato nel supermercato prendendo in ostaggio diverse persone. Alla fine si è arreso

TOPSHOT-LIBYA-EU-MIGRANTS-RESCUE

Migranti, Open Arms accusa Libia e Italia. Viminale: "Bugie, li denunciamo"

La nave sbarca in Spagna con a bordo i cadaveri della donna e del bimbo recuperati a largo delle coste della Libia e Josepha, unica sopravvissuta al naufragio

Striscia di Gaza, tensioni e scontri tra palestinesi ed esercito israeliano

Tregua tra Hamas e Israele dopo l'ultimo scontro a fuoco nella Striscia di Gaza

Raggiunto un accordo dopo l'uccisione di un soldato dello Stato ebraico e quattro palestinesi