Mercoledì 22 Febbraio 2017 - 21:45

Stadio Roma, Pallotta: No sarebbe catastrofe per città e club

"Ci aspettiamo un esito decisamente positivo dall'incontro in programma venerdì"

Stadio Roma, Pallotta: No a Tor Di Valle sarebbe catastrofe per città e club

"Ci aspettiamo un esito decisamente positivo dall'incontro in programma venerdì. In caso contrario, sarebbe una catastrofe per il futuro dell'AS Roma, del calcio italiano, della città di Roma e francamente per i futuri investimenti in Italia". Lo dichiara il presidente dell'As Roma James Pallotta sul profilo Twitter del club.

GRILLO. Stadio Roma? Ho parlato con i consiglieri: nessuno è contrario: c'è una discussione sulla collocazione che attualmente è in una zona a rischio idrogeologico con i dubbi della Soprintendenza. Si discute solo su dove farlo, magari in una zona non a rischio". ha detto invece Beppe Grillo intervistato dal Tg2. "Nessuno dice di No, diciamo di Sì ma in una parte che non sia quella. E' meglio farlo in una zona che non esonda", ha aggiunto.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Liverpool v AS Roma File Photo

Incidenti Liverpool-Roma: tifoso dei Reds aggredito esce dal coma

Buone notizie per il 53enne picchiato da un gruppo di giallorossi prima della semifinale di andata di Champions

FILES-FBL-WC-2018-TEAM-NAINGGOLAN

Nainggolan verso Inter saluta i tifosi della Roma: "Non ci sto bene. Messo davanti a scelte"

Il giocatore belga risponde su Instagram a un supporter giallorosso che non si rassegna

AS Roma, conferenza stampa di Eusebio Di Francesco

Roma, Di Francesco rinnova fino al 2020: "Felice di continuare questa avventura"

Nella sua prima annata da tecnico giallorosso, ha collezionato 51 panchine, con un bilancio di 29 vittorie, 10 pareggi e 12 sconfitte

Assessore all'urbanistica Pierfrancesco Maran all'uscita di Palazzo Marino

Stadio Roma, Maran: "Non sono eroe, questa è e deve essere la normalità"

Anche l'assessore all'Urbanistica del comune di Milano era stato avvicinato dall'imprenditore, che gli aveva offerto un appartamento in cambio del via libera per realizzare il nuovo stadio del Milan