Mercoledì 02 Novembre 2016 - 11:30

Spread vola a 160 punti base, timori per recupero Trump

A pesare sugli scambi i timori per l'esito del voto americano

Spread vola a 160 punti base, recupero Trump spaventa mercati

Sale lo spread tra Btp e Bund tedesco. Questa mattina il differenziale ha toccato quota 160 punti base, attestandosi poi a 155. Il rendimento del bond decennale italiano sul mercato secondario è pari all'1,66%, in ribasso rispetto ai massimi del 2016 toccati nella seduta di ieri all'1,76%. A pesare sull'andamanto dei mercati sono soprattutto i timori per l'esito delle elezioni presidenziali americane, in programma martedì 8 novembre, quindi tra meno di una settimana. Secondo alcuni sondaggi, Donald Trump sarebbe in vantaggio con il 46% dei consensi contro il 45% di Hillary Clinton, travolta dall'emailgate.

Ma a preoccupare, benché più in là nel tempo, anche l'esito del referendum costituzionale in Italia. Ieri il tasso del Btp decennale è balzato all'1,76%, ai livelli di novembre 2015, e lo spread con il Bund è salito a 158 punti, a un soffio dal record segnato dopo il voto sulla Brexit. Per la giornata di oggi attesa per la Federal Reserve, che questa sera annuncerà la sua decisione di politica monetaria. Non è atteso alcun rialzo dei tassi in vista delle elezioni. Un possibile ritocco al costo del denaro da parte della Banca centrale americana è invece prevista nella riunione di dicembre (quando è prevista anche una conferenza stampa della presidente della Fed Janet Yellen).

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

palazzi e luoghi di Milano

Borsa, Milano chiude ai massimi dal 2015: exploit di Intesa Sp

Continua la striscia di rialzi di Piazza Affari

Fca non si ferma in Borsa: nuovo record a 17,44 euro

Continua la corsa del titolo, protagonista già ieri di un'ottima performance sui mercati

Milano vola sul record di Wall Street: massimi per Fca

Nel durante l'indice ha superato quota 22.500. La chiusura a quota 25.512 (+2,77%)

I prezzi del petrolio schizzano a 60 dollari al barile dopo il caso dell'oleodotto

E' la prima volta dal 25 giugno del 2015 che si raggiunge di nuovo questa soglia