Mercoledì 30 Dicembre 2015 - 11:00

Spotify, azione legale da David Lowery per un maxi risarcimento

Lowery ritiene che la class action sia motivata dal fatto che il numero di autori di musica danneggiati da Spotify non è noto

Guai in vista per Spotify
 Il musicista David Lowery, frontman del gruppo Camper Van Beethoven, ha presentato al tribunale di Los Angeles una class action contro Spotify, chiedendo un risarcimento da 150 milioni di dollari per presunte violazioni sui diritti di autore. La rivista Billboard spiega che il musicista afferma che il servizio di streaming abbia diffuso musica protetta da copyright, senza pagare all'autore i diritti commerciali. Lowery ritiene che la class action sia motivata dal fatto che il numero di autori di musica danneggiati da Spotify non è noto. Il servizio online ha circa 75 milioni di utenti in tutto il mondo.
 
In una nota, Spotify ha detto che pagherà "ogni centesimo" ai musicisti, ma ha aggiunto che specialmente negli Stati Uniti i dati necessari con cui verificare a chi appartengano i diritti sono spesso introvabili, incompleti o sbagliati. Il portavoce, Jonathan Prince, ha puntualizzato che sono in corso colloqui con le autorità per trovare il modo migliore con cui pagare i diritti d'autore.
Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

KAZ, ISS Expedition, 52. Langzeitbesatzung der Internationalen Raumstation

Spazio, Paolo Nespoli torna sulla Terra: atterrata la navetta Souyz

L'astronauta torna a casa dopo 139 giorni di missione nella base spaziale

Un altro successo per Ariane 5. Lanciati nello spazio 4 satelliti Galileo

Sesta missione positiva nel 2017. I satelliti collocati perfettamente. Soddisfazione Avio (che produce i motori a propulsione solida): "Siamo player di riferimento per i lanciatori. Va avanti lo sviluppo del nuovo Vega C"

Facebook annual Year in Review data

La svolta fiscale di Facebook: "Pagheremo tasse nei Paesi in cui realizziamo i ricavi"

Da ora in poi i ricavi pubblicitari del social network di Mark Zuckerberg non saranno più interamente contabilizzati nella sede internazionale di Dublino