Domenica 26 Febbraio 2017 - 08:30

Democratici e progressisti, gli ex Pd: Ricostruiremo centrosinistra

Roberto Speranza, Enrico Rossi e Arturo Scotto: "L'articolo 1 della Costituzione è il nostro simbolo"

Roberto Speranza presenta il nuovo "Movimento democratici e progressisti'

Gli scissionisti del Pd riuniti alla città dell'Altra economia (Roma) danno vita a un nuovo movimento, i 'Democratici progressisti', su iniziativa dei fondatori Roberto Speranza, Enrico Rossi e Arturo Scotto (ex Si).  "Noi siamo questo, questo è il nostro simbolo", ha detto Roberto Speranza mostrando l'articolo 1 della Costituzione 'L'Italia è una Repubblica fondata sul lavoro'. "La nostra priorità - ha aggiunto - è il lavoro e sono le nuove generazioni. Noi siamo democratici e progressisti". "Oggi è il primo passo di un percorso che richiederà un confronto largo. È il primo passo di una storia bella che ha come obiettivo quello di riconnettere il popolo del centrosinistra. È un nuovo inizio, un primo passo ma siamo ottimisti. Faremo una cosa informale, senza effetti speciali e fuochi d'artificio che ne abbiamo avuto abbastanza", ha rimarcato non senza un pizzico di vena polemica.

LEGGI ANCHE Errani: Lascio Pd, ma non credo sia addio. Ora nuova avventura

"Vogliamo costruire un'interlocuzione privilegiata con Pisapia", ha spiegato ha detto Arturo Scotto, fuoriuscito da Sel, mentre il governatore toscano Enrico Rossi non ha risparmiato una stoccata a Emiliano e Orlando: "A chi è rimasto nel Pd chiediamo sono lì per fare la conta o per discutere sui contenuti?".  "Noi nasciamo oggi, è una forza aperta. Occorre ricollegare la politica al pensiero, dobbiamo chiamare gli intellettuali. Il nostro è un blocco sociale ampio, che parte dagli umili, ma comprende il ceto medio. Saremo maggioranza", ha aggiunto Rossi, "ci chiedono quanto prenderemo, quello che c'è oggi sui giornali non è poco. Siamo appena nati, ve ne faremo vedere delle belle".

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Ilva, Di Maio: "Procedura di gara un pasticcio. Avvierò un'indagine e chi ha sbagliato ne risponderà"

Calenda replica: "Responsabilità è mia, non ho bisogno di inventare 'manine'. Annulla la gara se la ritieni viziata"

Salvini querela Saviano. Lo scrittore: "Punito dissenso, bisogna reagire"

“Provi piacere a vedere bimbi morti in mare” la frase che ha scatenato l'ira del ministro

Governo, sulle nomine è stallo. E il vertice da Conte salta

Si arena la trattativa su Cassa depositi e prestiti: doppio veto M5S-Lega su Dario Scannapieco

Dl dignità, Boeri attacca Di Maio e Salvini: "Calo degli occupati? Ministero sapeva"

“Governo perde il contatto con la terra”. La replica del ministro dell'Interno: "Mai minacciato il presidente Inps. Se vuole fare politica con la sinistra che l'ha nominato si candidi”