Lunedì 07 Marzo 2016 - 16:30

Speranza: Doppio incarico premier-segretario di Renzi non funziona

Nuovo attacco della minoranza Dem, che si trova a Perugia dall'11 al 13 marzo

Speranza: Doppio incarico premier-segretario di Renzi non funziona

"Il doppio incarico di premier-segretario non sta funzionando. Perché il partito sui territori rischia di diventare una sommatoria di comitati elettorali in cui le porte girevoli del trasformismo sono spalancate". La minoranza del Pd torna all'attacco di Renzi attraverso Roberto Speranza, in una conferenza stampa alla Camera sulla tre giorni della minoranza Dem organizzata a Perugia dall'11 al 13 marzo. Il doppio incarico, insiste Speranza, "non regge nei fatti. E' un tema vero che riguarda non la minoranza del Pd ma la tenuta del primo partito del nostro Paese, che è una cosa che ha a che fare con la democrazia". "La rottamazione è tradita e sbagliata se imbarca Verdini e lascia Bersani", insiste il deputato dem, per cui "il Pd non può essere solo il megafono di Palazzo Chigi".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

È il giorno del referendum in Lombardia e Veneto: 12 milioni chiamati a votare

Dai risultati dipenderà il potere contrattuale dei due presidenti di Regione nell'eventuale trattativa con il governo per ottenere la gestione a livello regionale di materie oggi di competenza centrale

Bankitalia, Renzi mattatore a Firenze: "Esprimere giudizio non è lesa maestà"

Bankitalia, Renzi mattatore a Firenze: "Esprimere giudizio non è lesa maestà"

Il segretario Pd alla festa del quotidiano 'Il Foglio': "Non possiamo arrivare al paradosso che qualcuno è intoccabile, inviolabile, ingiudicabile"

Senato, Paolo Gentiloni riferisce sul prossimo consiglio europeo del 19 e 20 Ottobre

Legge elettorale, 179 proposte di modifica e 160mila firme per cambiarla

La legge elettorale arriverà in aula martedì 24 ottobre

Il Presidente Gentiloni al Consiglio Europeo di Bruxelles

Bankitalia, Gentiloni: "Il governo deve agire nell'interesse del Paese"

Il presidente del Consiglio si dice tranquillo relativamente a "strani incroci populisti" che si possano creare in parlamento sulla vicenda