Martedì 09 Gennaio 2018 - 15:15

Mistero Spelacchio, l'albero di Natale di Roma smontato e rimontato in poche ore

Gli addobbi prima rimossi poi riposizionati sui rami. Non sarebbe arrivata l'autorizzazione dal Comune. L'abete più discusso d'Italia diventerà una casetta per mamme e bambini

Roma, si comincia a smontare l'abero di Natale "Spelacchio" a piazza Venezia

Addio Spelacchio. Anzi no. In poche ore sono stati smontati e poi rimontati gli addobbi sull'albero di Natale più famoso e discusso delle ultime festività. In mattinata gli operatori del Comune, sotto lo sguardo incuriosito di turisti e romani, hanno iniziato in piazza Venezia a Roma la rimozione dell'abete: via gli addobbi, dal grande puntale a forma di stella alle sfere argentate, posizionati nell'aiuola della piazza. Poi il cambio di programma: dopo che gli addobbi erano stati quasi tutti smontati gli operatori sotto la pioggia si sono rimessi al lavoro e hanno rimontato i ponteggi per risistemare le luminarie al loro posto. Secondo quanto si apprende il Comune di Roma non avrebbe autorizzato la rimozione né degli addobbi né dell'albero, che di fatto è stato riaddobbato.

Le feste natalizie sono state animate da polemiche e sfottò sul triste albero di piazza Venezia smilzo e 'spelacchiato', (da qui il soprannome scelto dai romani), diventato un tormentone sui social e anche sui giornali stranieri. Addirittura "dichiarato morto" lo scorso 19 dicembre, ancora prima di Natale.

Quando ha lasciato il Trentino, assicurano ancora gli esperti, ovviamente non aveva più le radici che avrebbero impedito il trasporto ma era folto, insomma un vero abete rosso. Ma quando è arrivato in piazza Venezia sembrava un altro albero: spoglio e malato.

Forse per colpa di un trasporto forse maldestro. Fatto sta che Spelacchio ancora prima di Natale è stato dichiarato morto. Ora si infittisce il mistero sull'abete della Val

di Fiemme.

Intanto in Campidoglio si è svolta una riunione ad hoc per stabilire le sorti dell'albero più brutto, ma anche più popolare d'Italia.

La 'nuova vita' di Spelacchio consisterà in gadget ricordo e una 'Baby little Home', confortevole casetta in legno per consentire alle mamme di accudire i propri bambini con fasciatoio, poltrona per l'allattamento e tavolino da gioco per i piccoli. A deciderlo è stata la Giunta Capitolina grazie ad un accordo con la Comunità della Val Di Fiemme. L'intesa consentirà di riutilizzare il legno dell'albero, opportunamente lavorato, per qualcosa di utile alla città e senza alcun costo aggiuntivo. L'albero sarà rimosso giovedì sera e tagliato in blocchi che verranno inviati in Val di Fiemme per la lavorazione. Un blocco resterà, invece, a Roma per una realizzazione artistica.

"Con il passare dei giorni 'Spelacchio' si è conquistato la simpatia e l'affetto della stragrande maggioranza delle persone. Ora avrà una nuova vita. Vogliamo fare di questa star internazionale un esempio concreto di riuso creativo, perché tutto può tornare a nuova vita. Un modo concreto per dimostrare al mondo che Roma vuole essere sostenibile e persegue con convinzione la strada del riuso, riciclo e recupero di materia", dichiara la sindaca di Roma Virginia Raggi. "L'albero di Natale di piazza Venezia ha occupato pagine e pagine delle principali testate nazionali e internazionali. È entrato nel quotidiano della gente ed ha rapito l'attenzione di radio e tv. La sua nuova vita non è assolutamente un'azione di business. Per questo, non limitiamoci a fare di Spelacchio solo il simbolo delle feste, facciamo di più, eleviamolo a simbolo di un'economia circolare sempre più necessaria per il futuro di Roma e delle nuove generazioni", spiega l'assessora alla Sostenibilità ambientale di Roma Capitale Pinuccia Montanari.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Genova, il giorno dopo il crollo del ponte

Genova: i percorsi alternativi per entrare in città o bypassarla

Dopo il disastro gravi disagi di mobilità. Che strada fare a seconda della destinazione: Tirreno, Adriatico o Nord Italia

Treviso, ordigni contro storica sede Lega: anarchici rivendicano

Uno è esploso davanti al portone, uno è stato fatto brillare dagli artificeri. Nessuna persona coinvolta, danni all'ingresso

Genova, crollo ponte Morandi: ricerche Usar e Cinofili

Genova, 38 morti accertati. Procuratore: "Ancora 10-20 dispersi"

Ipotizzato anche il reato di attentato alla sicurezza dei trasporti. Oltre 550 gli sfollati