Giovedì 24 Dicembre 2015 - 15:45

Spazio, nel 2016 scopriremo se c'è vita su Marte

Un razzo raggiungerà l'orbita marziana 9 mesi dopo il suo lancio e atterrerà al suolo frenando grazie a un paracadute

Regione polare di Marte

Nel 2016 scopriremo se c'è vita su Marte. L'Agenzia spaziale europea per il 2016 ha infatti in ballo un ambizioso e importante progetto, ExoMars. Questa missione scientifica si propone di dare una risposta all'annoso problema filosofico: siamo soli nell'universo? La missione spaziale partirà il prossimo marzo dal cosmodromo russo di Baikonur con il razzo Proton-M, a bordo del quale si troverà uno speciale robot programmato per raccogliere campioni dal suolo marziano e scoprire così se sul pianeta rosso alberga la vita.

Il razzo raggiungerà l'orbita marziana 9 mesi dopo il suo lancio e atterrerà al suolo frenando grazie a un paracadute. Saranno i pannelli solari ad alimentare il funzionamento di tutte le apparecchiature. La speranza ultima della Nasa è quella, per il 2030, di poter mandare in orbita attorno a Marte anche degli astronauti per arrivare un giorno a colonizzare il pianeta.

Scritto da 
  • redazione
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Milano, Birrificio Italiano in Via Ferrante Aporti 12

Gli italiani diventano bevitori di birra: amano le bionde, ma anche le speciali

Una ricerca dell'Osservatorio birra dimostra che il mercato birrario nazionale è in accelerazione

Press conferences before the opening of  the Electronic Entertainment Expo (E3) on Tuesday

Xbox si rinnova, Microsoft punta sui videogame originali

All'Electronic Entertainment Expo 2018 la società di Redmond ha presentato 52 giochi, tra cui 18 esclusive per console e 15 prime mondiali

Il futuro è ora: negli Stati Uniti arrivano le vetture volanti a uso ricreativo

Il prezzo di Flyer non è ancora stato reso noto e per il momento ne è stato presentato solo un prototipo

FILES-US-JAPAN-BEVERAGE-COCA-COLA

La Coca-Cola diventa alcolica: lanciati in Giappone i primi drink 'corretti'

L'azienda americana cerca di capitalizzare la crescente popolarità dei cocktail rinfrescanti "chuhai", particolarmente apprezzati dalle giovani donne