Giovedì 03 Marzo 2016 - 10:30

Spazio, cos'è il progetto ExoMars seguito dall'Alenia di Torino

L'obiettivo è cercare biotracce su Marte

La missione spaziale ExoMars

Il progetto ExoMars è composto da due missioni, entrambe con l'obiettivo di cercare biotracce su Marte. Sono sviluppate dall'Agenzia spaziale europea (ESA) e dall'Agenzia spaziale russa (Roskosmos). Le due missioni prevedono la prima il lancio di un orbiter e di un lander nel 2016, l'altra di un rover nel 2018. A costruire l'orbiter che sarà usato nella prima missione sono stati i ricercatori e tecnici di Thales Alenia Space, che ha sede a Torino. L'orbiter in questione si chiama Trace Gas Orbiter (TGO), è dotato di strumenti per l'analisi dei gas atmosferici e la mappatura delle loro fonti. Con un rilevatore di neutroni permetterà di mappare, orbitando attorno al pianeta, la presenza di idrogeno e potenziali depositi di acqua. Il lander Schiaparelli, invece, avrà sensori per la misurazione della velocità e direzione del vento, dell'umidità e della pressione e temperatura alla superficie. Fotograferà inoltre immagini durante la discesa sul suolo marziano. La prima missione partirà il 14 marzo di quest'anno dal cosmodromo di Baikonur.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Trapiantato cuore artificiale a bimba 6 anni: prima volta al mondo

Trapiantato cuore artificiale a bimba 6 anni: prima volta al mondo

L'intervento è stato eseguito all'ospedale Regina Margherita di Torino

Proxima b pianeta abitabile simile alla Terra

Scoperto pianeta abitabile simile alla Terra

Si chiama Proxima b ed è 1,3 volte più grande di noi

Space Economy, Agenzia spaziale Italia: Nuova frontiera è la Terra

Space Economy, Asi: Nuova frontiera è la Terra

E il Mise annuncia il piano stralcio che attiverà un investimento complessivo di circa 1,1 miliardi

Spazio, arriva il porto di attracco per le navicelle private

Spazio, arriva il porto di attracco per le navicelle private

L'accesso alla Stazione spaziale internazionale non sarà più riservato agli astronauti